Domenica, 17 Dicembre 2017
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Indice
Inizio
Prefazione
Obiettivo 1
Obiettivo 2
Obiettivo 3
Obiettivo 4
Obiettivo 5
Obiettivo 6
Obiettivo 7
Obiettivo 8
Nota per il lettore
Tutte le pagine

Rapporto sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio 2006
Obiettivo 5
Migliorare la salute materna

META
Ridurre di tre quarti il tasso di mortalità materna dal 1990 al 2015

La mortalità da parto è ancora molto diffusa nelle zone con il maggior numero di decessi.

Nonostante abbia rappresentato negli ultimi vent’anni uno dei principali obiettivi delle organizzazioni internazionali, il tasso di mortalità da parto sembra essere variato di poco nelle regioni che già contano il maggior numero di decessi (Africa subsahariana e Asia meridionale). Dati poco attendibili e ampi margini di incertezza rendono difficile una chiara analisi della situazione. Strutture sanitarie adeguate ed un controllo delle nascite sono fondamentali per migliorare la salute delle madri e ridurne la mortalità da parto. Tuttavia, circa 200 milioni di donne che vorrebbero disciplinare il processo di procreazione non hanno accesso ai metodi di contraccezione. La presenza di personale sanitario qualificato al momento del parto e di strutture ostetriche d’emergenza adeguate può contribuire ad un’ ulteriore riduzione delle vittime, come dimostrato da un numero sempre maggiore di paesi.

Tre regioni mostrano notevoli progressi nel numero dei parti assistiti

Ricevere un’assistenza sanitaria qualificata al momento del parto rappresenta un fattore chiave per limitare la mortalità materna. Sebbene si registri un miglioramento in tutte le regioni del mondo, soltanto il 46% delle nascite nell’Africa subsahariana, che conta circa  la metà dei casi mondiali di decessi da parto, sono assistite da personale qualificato. In Asia meridionale la percentuale è addirittura inferiore. In Asia orientale e meridionale e in Africa occidentale si riscontrano i risultati migliori, con un aumento delle nascite assistite dal 55 all’80%.

Le donne delle zone povere e rurali si trovano ad affrontare da sole il delicato momento del parto.

La presenza di personale sanitario qualificato al momento del parto è l’indicatore dello stato di salute delle madri e dei bambini più irregolarmente distribuito all’interno dei paesi in via di sviluppo. Per le donne povere e provenienti dalle zone rurali è più difficile ricevere cure adeguate durante il parto rispetto alle donne più ricche delle aree urbane. Tale disuguaglianza è particolarmente accentuata nell’Africa subsahariana. Confrontando i dati provenienti da 33 paesi, le donne delle aree urbane hanno il triplo di possibilità di ricevere assistenza da personale qualificato durante il parto rispetto alle donne provenienti dalle zone rurali. Inoltre quelle appartenenti al quintile più ricco della popolazione hanno sei volte più possibilità rispetto a quelle provenienti dal quintile più povero. Riequilibrare simili diversità richiederà uno studio statistico continuo combinato a dei piani d’azione mirati.


SDG POSTER IT UN Artboard Poster

“Together - Rispetto, sicurezza e dignità per tutti”

 La campagna mette in luce i contributi economici, culturali e sociali che migranti e rifugiati offrono ai paesi di origine, transito e destinazione. Inoltre, mira a contrastare la disinformazione e le percezioni sbagliate sull'argomento.

Together Logo

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner