Lunedì, 19 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Papa Francesco e la FAO denunciano sfruttamenti sul lavoro nel settore della pesca

6797028895 3d74250275 z

21 nov - La Giornata mondiale della pesca richiama alla difesa dei diritti umani e a una pesca socialmente sostenibile.

Le pratiche illegali e disumane nel settore della pesca mondiale devono essere eliminate e sostituite da pratiche sostenibili per la vita di una persona su 10 nel pianeta, hanno dichiarato oggi la FAO e il Vaticano.

"Il nostro messaggio congiunto esorta a porre fine alle violazioni dei diritti umani nel settore della pesca e alle pratiche di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata", ha detto il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva nel corso di un evento per celebrare Giornata Mondiale della Pesca.

Rimedi, soluzioni e strumenti giuridici internazionali come l'Accordo sulle misure dello stato di approdo della FAO esistono per salvaguardare un settore che offre una molte opportunità ma troppo spesso penalizza i più vulnerabili, ha aggiunto.

"I lavoratori del settore ittico chiedono aiuto ... e non possiamo tapparci le orecchie e non possiamo rimanere in silenzio", ha detto il cardinale Peter Turkson, prefetto del Dicastero Vaticano per la promozione dello sviluppo umano integrale.

Ricordando  i frequenti rapporti su lavoro forzato, traffico di esseri umani e scomparsa in mare, ha aggiunto: "Vediamo legami diretti tra tutti questi abusi e l'uso di bandiere di comodo, la pesca nor riportata e non regolamentata e il crimine transnazionale".

L'evento congiunto è stato organizzato per sottolineare che i diritti dei lavoratori sono diritti umani, ed esplorare modalità di coordinamento della lotta contro la tratta e il lavoro forzato nel settore della pesca.

Anche l'Organizzazione Internazionale del Lavoro ha partecipato all'evento. "Pratiche fraudolente di reclutamento, lavoro minorile, assenza di accordi scritti, salari trattenuti, liste nere, violenze, intimidazioni e altre condizioni di sfruttamento del lavoro" sono diffusi nel settore e minano gli sforzi di quanti nel settore rispettano invece le regole, ha dichiarato Moussa Oumarou, Vice Direttore generale dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Proteggere i diritti nel settore della pesca

Vi sono diversi fronti su cui possono essere coordinati gli sforzi internazionali per combattere gli abusi sul lavoro nel settore della pesca.

Un aspetto importante è l'adozione e l'applicazione della Convenzione 188 dell'ILO sul lavoro nel settore della pesca, concepita per garantire che oltre 38 milioni di persone che lavorano nella pesca di cattura beneficino a livello globale di sicurezza e assistenza sanitaria, accordi scritti di lavoro e protezione sociale. Fin’ora è stato ratificato da 12 paesi, con l'adesione di Namibia e Senegal quest'anno.

Un'altra importante opportunità è rappresentata dall'Accordo sulle misure dello stato di approdo della FAO, che è giá entrato in vigore e mira a eliminare la pesca non riportata e non regolamentata, che rappresenta una quota sostanziale di tutti i pesci catturati in mare. Offre alle autorità portuali poteri forti per ispezionare i pescherecci - spesso legati a casi di tratta, abusi e schiavitù - e quindi "consente controlli più efficaci per garantire che i diritti degli equipaggi non siano violati", ha affermato Graziano da Silva, esortando i paesi che non hanno ancora firmato l'accordo a farlo.

Il cardinale Turkson ha sottolineato che "il numero di Governi che hanno ratificato gli strumenti internazionali è ancora molto basso" sollecitando le agenzie internazionali a redigere una "road map" per un'adozione più ampia e più rapida, e affermando che "se ratificato e pienamente attuato da tutti gli Stati, l’accordo potrebbe cambiare drasticamente la vita dei pescatori, delle loro famiglie e dello stato ambientale delle risorse ittiche".

Il Codice di condotta della FAO per la pesca responsabile, concordato nel 1995, ha ispirato una serie di ulteriori strumenti e linee guida di supporto, tra cui le linee guida volontarie della FAO sulla pesca su piccola scala, che hanno un grande potenziale per rafforzare i diritti umani per le piccole comunità di pescatori.

La FAO sta inoltre sviluppando linee guida sulla responsabilità sociale nelle catene del valore del pesce, che saranno presentate alla commissione per la pesca della FAO (COFI) nel 2020.

"Attraverso la collaborazione internazionale e l'attuazione di accordi internazionali, possiamo porre fine a tutte le forme di schiavitù moderna nel settore della pesca", ha affermato Graziano da Silva. "La FAO non vede l'ora di renderlo una realtà."

Blue Hope

Nel tentativo di trasformare le comunità della zona costiera del Mediterraneo meridionale in motori di stabilità e crescita, la FAO sostiene anche l'iniziativa Blue Hope, che è stata accolta con favore da Papa Francesco e mira in particolare a sostenere la pesca su piccola scala messa alla prova dal cambiamento climatico, dalla povertà, dalle tendenze migratorie, dall'urbanizzazione e da altre forze.

La nuova iniziativa è stata lanciata il mese scorso in alcune comunità pilota in Algeria, Tunisia e Turchia.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px