Domenica, 16 Giugno 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Costruire un futuro migliore - La FAO aiuta i rifugiati siriani in Turchia a inserirsi nel mondo del lavoro

rifugiati turchia

28 giu - Il villaggio di Sarit nel sud della Turchia si trova a soli 100 chilometri da Aleppo - uno dei punti caldi del conflitto siriano - e ha ricevuto un grande afflusso di rifugiati in cerca di sicurezza. Essendo così vicino alla Siria, la maggior parte dei residenti parla sia arabo che turco ed ha accolto le nuove famiglie. 

Ma da Sarit c'è stato anche un flusso di giovani adulti verso le città in cerca d'istruzione e lavoro.

Molti dei restanti residenti sono piccoli proprietari terrieri che coltivano olive e allevano bestiame che hanno bisogno di lavoratori agricoli addestrati per continuare a produrre.

Nell'ultimo anno, la FAO ha collaborato con partner governativi e privati per sviluppare programmi di formazione per i rifugiati e per i cittadini turchi nei settori di competenza che sono maggiormente necessari agli agricoltori. Centinaia di rifugiati siriani e membri della comunità ospitante formati dalla FAO hanno partecipato a fiere del lavoro, sono stati presentati a società del settore privato e hanno trovato lavoro attraverso le reti che hanno sviluppato.

Abdallah è uno di loro. Elettricista, non può esercitare la sua professione in Turchia senza un permesso di lavoro, ma ha rapidamente acquisito le competenze di cui aveva bisogno per lavorare in agricoltura. "Vengo dalla città e non ho mai avuto molta esperienza in agricoltura prima", dice.

"Mi sono molto piaciuti i corsi di formazione e trovo che mi piace lavorare all'aperto. Probabilmente continuerò a fare qualcosa di simile quando tornerò in Siria".

Al termine dei corsi di formazione, la FAO ha organizzato fiere del lavoro per presentare le persone appena qualificate ai potenziali datori di lavoro. Abdallah e i suoi amici hanno visitato la fiera del lavoro presso la Camera di Commercio e Industria di Gaziantep, dove hanno incontrato proprietari delle fattorie locali e altri imprenditori.

"La fiera del lavoro è stata di grande aiuto nella costruzione di una rete di contatti: quasi ogni giorno riceviamo una chiamata o un messaggio da qualcuno che ha bisogno di manodopera. Tutti sanno chi siamo adesso!", continua Abdallah.

Nuove competenze, nuove opportunità

Abdul (in foto) è fuggito con la sua famiglia dalle campagne di Aleppo tre anni fa. Ha cercato di trovare lavoro a Gaziantep, poi è andato con la sua famiglia a Sanliurfa, dove di tanto in tanto riusciva a trovare qualche lavoro nelle costruzioni, ma non abbastanza per sostenere la famiglia. L'anno scorso ha sentito parlare del programma della FAO, e si è iscritto per partecipare alla formazione sull'allevamento del bestiame - un corso completo riguardante la salute, la riproduzione, la fisiologia e il benessere degli animali, la gestione delle fattorie e la produzione di latte.

Dopo un mese di addestramento teorico e pratico, ha completato la sua formazione sul posto di lavoro con Haci, un allevatore di bestiame locale. Dopo due mesi di formazione, Haci è rimasto colpito da Abdul e gli ha offerto un lavoro a tempo pieno.

"Ora fa parte della famiglia", dice Haci. "Lavora con i miei figli, e i suoi figli giocano con i miei nipoti".

Abdul ha detto che senza i contatti instaurati tramite la formazione della FAO non avrebbe saputo dove trovare questo tipo di lavoro.

"Ho un lavoro che mi piace, la mia famiglia è felice e ogni giorno imparo qualcosa di nuovo".

Finora 900 persone, tra cui oltre 400 donne e 300 membri della comunità di accoglienza turca in cinque province, sono state formate attraverso il programma, e molti dei "diplomati" hanno continuato a trovare lavoro. Una seconda fase per altre 650 persone è prevista per il resto del 2018 e si espanderà in nuove province, tra cui Kilis, dove i rifugiati siriani ora costituiscono il 95% della popolazione.

Il progetto è finanziato dall'UNHCR, l'agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite e dal governo del Giappone, ed è realizzato in collaborazione con il Ministero turco dell'Alimentazione, dell'Agricoltura e dell'Allevamento, con la Presidenza per la gestione delle calamità e dell'emergenza (AFAD), con la Direzione generale per la gestione della migrazione (DGMM) e con il Ministero del Lavoro e della Sicurezza sociale.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px