Lunedì, 21 Ottobre 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Impegni per più di quattro miliardi di dollari alla conferenza di Bruxelles sulla Siria

foto conferenza siria unric benelux

25 apr - Più di quattro miliardi di dollari sono stati annunciati alla conferenza ONU-UE sulla Siria

25 aprile 2018: Le Nazioni Unite e l’Unione Europea hanno definito “un buon inizio” gli impegni finanziari di 4,4 miliardi di dollari adottati alla conferenza internazionale sulla Siria (24-25 aprile). “Avremmo voluto raccogliere ancora più fondi e che i nostri appelli fossero pienamente soddisfatti, ma è comunque un buon inizio“, ha detto Mark Lowcock, Sottosegretario ONU per gli affari umanitari, aggiungendo di aspettarsi altri annunci, visto che molti Paesi, tra cui gli USA, sono ancora impegnati in discussioni finanziarie interne. Sono stati inoltre impegnati 3,3 miliardi di dollari per gli anni successivi a partire dal 2019. Lowcock ha in particolare evidenziato il generoso contributo di Unione Europea, Germania e Regno Unito.

La conferenza di Bruxelles è stata convocata da Nazioni Unite e Unione Europea per raccogliere fondi a sostegno della Siria e dell’intera regione e favorire gli sforzi diplomatici per porre fine alla violenza, che ha lasciato 13,3 milioni di persone in stato di bisogno di assistenza umanitaria.

Staffan de Mistura, Inviato speciale del Segretario General sulla Siria, ha spiegato che non c’era da attendersi alcuno sviluppo politico decisivo dalla conferenza, ma che al tempo stesso l’assenza di contrasti in quest’occasione fosse un buon segno.

“Ricordate, una settimana fa eravamo sull’orlo di una grave crisi, con una tensione e una retorica da Guerra fredda,  addirittura con attività militari in corso. Una riflessione matura ci ha fortunatamente permesso di evitare che la situazione degenerasse ancora”, ha commentato De Mistura. 

La conferenza è la seconda organizzata da ONU e UE per portare alla ribalta la drammatica crisi umanitaria, l’abissale carenza finanziaria e la prolungata mancanza di cibo, medicine, istruzione, protezione e altre esigenze impellenti. In occasione della prima conferenza, ha ricordato Mark Lowcock, furono impegnati sei miliardi di dollari.

Non sono solamente I Siriani a soffrire a causa del conflitto. I Palestinesi sono tra coloro maggiormente toccati . Dei circa 438.000 rifugiati Palestinesi che rimangono in Siria, oltre il 95% (418.000) si trovano in una situazione critica di necessità di assistenza umanitaria continua. Quasi 254.000 di loro sono sfollati.

Se l’obiettivo principale della conferenza resta la disastrosa situazione umanitaria dei Siriani in Siria e in altri Paesi, gli alti funzioanri ONU e EU hanno evidenziato che occorre mettere un termine alla violenza e trovare una soluzione politica. ``E’ l’ora della diplomazia al suo più alto grado”, ha detto De Mistura ai giornalisti. ``Bisogna far tacere le armi,’’ ha aggiunto Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione Europea per la politica estera. 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px