Venerdì, 23 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Giornata Mondiale del Diabete, intervista a Giulia Ceribelli

Giulia Ceribelli

14 nov - In occasione della Giornata mondiale del diabete del 14 novembre, abbiamo intervistato Giulia Ceribelli, organizzatrice dell'evento Corri con il Diabete, non inseguirlo! che si svolgerà domenica 19 novembre a Roma

Questa iniziativa è nello spirito della Giornata del Diabete, che mira a sensibilizzare il pubblico alle conseguenze della malattia. Come è nata?

Questa manifestazione mi è molto cara e ho cercato di portarla avanti con il massimo impegno, e devo dire che se siamo qua oggi è anche grazie al supporto di tanti amici, collaboratori e persone ed enti che hanno creduto nell’iniziativa. L’idea di realizzare una giornata in cui i ragazzi affetti da diabete potessero mettersi alla prova e confrontarsi con la varietà di discipline che l’atletica presenta, poterle sperimentare ma ancora più poter verificarne gli effetti sull’andamento glicemico, mi ha animato a partire per questa impresa. Personalmente son sempre stata una persona molto sportiva, alle mie spalle ho un trascorso agonistico in sport come l’equitazione, il volteggio ippico, la ginnastica artistica, il calcetto, la pallavolo e altri ancora senza che li elenchi tutti. Però alla base c’è sempre stata l’atletica leggera, iniziata come un gioco verso i 3 anni e portata avanti pian piano con più impegno. Nella categoria ragazzi e cadetti (12-14anni) ho avuto dei successi, di cui porto ancora con me le emozioni. Poi tra i problemi della crescita, un ipotiroidismo non diagnosticato che è andato a braccetto con il diabete che aveva bussato alla mia porta all’età di 8 anni i miei risultati sportivi hanno subito un forte appesentimento. Ho avuto la fortuna di aver avuto persone che mi son state sempre vicino e che mi hanno seguito nello sport con passione ed affetto a prescindere di quelli potessero essere le mie vittorie. Ho cambiato specialità, ho cambiato tante cose ma non ho mai mollato. Se c’è una cosa di cui devo dir grazie al diabete è la tenacia che ha sviluppato in me, non arrendersi mai, neppure un istante. Il mio percorso atletico è andato avanti e mi son tolta anche qualche soddisfazione.

Poi ha pensato di portare a frutto la sua esperienza. 

Nel 2014 ho cominciato ad allargare il quadro visivo e guardare anche in senso opposto, oltre a continuare ad allenarmi e cercare di migliorarmi son diventata dirigente della mia società di atletica. Una società, l’ACSI Campidoglio Palatino, che mi accolto come in una famiglia, che mi ha sollevato e fatto compagnia ogni volta che si è presentato un problema e che mi ha acuito il senso dello stare insieme. Quando ho cambiato l’angolo del mio modo di guardare il mondo ho pensato di essere molto fortunata e che questa mia fortuna andasse condivisa. Grazie al diabete io conosco i miei limiti e comprendo immediatametne l’effetto di un allenamento perché lo sento sull’andamento della mia glicemia. Ho un allenatore straordinario capace di seguirmi nelle mie esigenze, fossero anche che a causa di un nervosismo la glicemia si è alzata e non è il caso di far un allenamento di velocità… Ecco tutto questo l’ho voluto condividere con chi vorrà aprofittare di questa occasione.

Come sarà strutturato l'evento di domenica?

La manifestazione avrà una parte di attività fisica rivolta ai ragazzi diabetici che saranno seguiti dai nostri allenatori. Nel frattempo i genitori verranno informati e rassicurati sullo svolgere sport in un ambiente che non ha preclusioni o preconcetti nei confronti di una malattia e con personale che, anche se non necessario perché i ragazzi son perfettamente autonomi, sia pronto a fornire le dovute attenzione al ragazzo in difficoltà. Tale evento è organizzato dall’ACSI Campidoglio Palatino in collaborazione con la D-project, l’ADIG Lazio, AGD Viterbo e l’ANIAD. Lo scorso anno abbiamo avuto un notevole successo che ci ha spinto a ripetere l’esperienza quest’anno nella giornata di domenica 19 novembre 2017.

Anche quest'anno avete avuto un notevole sostegno

La novità di quest’anno è che la FIDAL – Federazione D’Atletica Leggera, ci fornisce il suo totale supporto fornendo ai tecnici, che vorranno iscriversi al seminario, l’attestato e i crediti formativi che dimostreranno la preparazione nei confronti di questo tema. La giornata si svolgerà grazie alla collaborazione del CUS Roma che ci mette a disposizione i suoi impianti presso via delle Fornaci di Tor di Quinto, 64, Roma. Un ultimo grande ringraziamento va agli enti nazionali ed europei che ci hanno accordato il loro patrocinio appoggiando questa iniziativa, primo tra tutti l’Unric Italia seguito dall’IDF, dalla Commissione Europea, dalla Regione Lazio e del CONI.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px