Venerdì, 20 Ottobre 2017
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Corri con il diabete, non inseguirlo: un evento informativo e ludico che ha riunito a Roma giovani, medici, allenatori e genitori

Untitled design

14 nov - Quasi duecento tra ragazzi diabetici tra i 4 e i 18 anni, medici, allenatori e genitori hanno partecipato a Roma all'evento "Diabete e atletica leggera – Corri con il diabete, non inseguirlo!", organizzato dal club ACSI Campidoglio Palatino in collaborazione con le associazioni D-Project, ADIG, AGD Viterbo presso il centro sportivo del CUS Roma. L'evento, svolto con il patrocinio di UNRIC, è stato iscritto dalla Federazione internazionale del diabete (IDF)  tra quelli ufficiali che hanno marcato l'edizione 2016 della Giornata mondiale del diabete, e ha visto l’olimpionico di Londra 2012 Fabrizio Donato quale testimone di eccezione in rappresentanza del mondo sportivo agonistico.

Tutti si sono calati nello spirito tipico di una Giornata tematica delle Nazioni Unite, quello di accrescere la sensibilità dell'opinione pubblica su una malattia che tocca oggi 422 milioni  di persone nel mondo ed è destinata a divenire entro il 2030 la settima causa di morte. Così, le testimonianze di dieci specialisti, diabetologi e medici sportivi, nella sezione scientifica dell'incontro, hanno accentuato l'importanza dell'educazione terapeutica, esaltando il valore dell'interazione tra le diverse componenti professionali sanitarie e, più in generale,  della collaborazione stretta con associazioni di volontariato e tecnici sportivi.

perarticolo1

La pratica dell'attività fisica è infatti, insieme a terapia insulinica e alimentazione corretta, uno dei capisaldi nella lotta contro il diabete, i cui casi insorgono attualmente a un ritmo annuale di 12,3 nuovi casi su 100mila persone, con un raddoppio previsto, per i casi di diabete mellito di tipo 1, nei prossimi quindici anni. E le decine di giovani presenti hanno onorato per tutto il giorno l'importanza del movimento, con tante attività in pista e sul campo, coordinate dai tecnici e benedette da una magnifica giornata di sole.

L’atletica leggera si propone come uno sport che favorisce le opportunità di socializzazione e benessere psicologico, che sono altrettanto importanti per la salute dei bimbi diabetici, i quali soffrono ancora troppo spesso di discriminazioni, specialmente negli sport di squadra. In questo è cruciale il ruolo degli allenatori, ideale anello di trasmissione delle istanze sanitarie e di riflessione periodica con genitori e giovani.

perarticolo2

Normalità, è stato il termine ricorrente nelle testimonianze di alcuni atleti diabetici, tutti d’accordo nell’invitare ragazze e ragazzi presenti a condurre – semplicemente monitorando la malattia secondo le indicazioni terapeutiche - una vita in tutto e per tutto uguale a quella dei loro coetanei non malati. “Il diabete è stato il motore che mi ha dato la forza,la carica per andare avanti”, ha detto una di loro, plurivincitrice di titoli nazionali nell’eptathlon.

Leggendo il messaggio del Segretario Generale per la Giornata, UNRIC/Italia ha invitato a concentrare gli sforzi su prevenzione e miglioramento dei servizi sanitari, perché c’è ancora molto da fare per cambiare la cultura sul diabete. Il ruolo della società civile è vitale in questo senso, e i partecipanti hanno convenuto che questa edizione “zero” di un dialogo che ha ottenuto anche l’attenzione dei maggiori media nazionali, sportivi e non, meriti di avere un seguito. La corsa con il diabete continua!

perarticolo4

Leggi anche: Intervista alla Dott.ssa Bloise in occasione della Giornata mondiale del diabete.

World Diabetes Day Event in Rome

SDG POSTER IT UN Artboard Poster

“Together - Rispetto, sicurezza e dignità per tutti”

 La campagna mette in luce i contributi economici, culturali e sociali che migranti e rifugiati offrono ai paesi di origine, transito e destinazione. Inoltre, mira a contrastare la disinformazione e le percezioni sbagliate sull'argomento.

Together Logo

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner