Giovedì, 18 Luglio 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il Consiglio di Sicurezza propone Antonio Guterres come prossimo Segretario Generale

06 10 16guterres1perarticolo

7 ott - Ieri, 6 ottobre, Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha formalmente scelto l’ex Primo Ministro del Portogallo, António Guterres, come prossimo Segretario Generale ONU. Il suo mandato - della durata di 5 anni - comincerà il 1 Gennaio 2017. 

Il Consiglio ha candidato Guterres con una risoluzione approvata per acclamazione, durante una riunione privata, ma per formalizzare la nomina è necessaria anche il consenso dell’Assemblea Generale. 

L’attuale Segretario Generale Ban Ki-moon, che in questi giorni si trovava in Italia per una visita ufficiale, e in Vaticano per la conferenza “Fede e Sport al Servizio dell’Umanità”, ha commentato che Mr. Guterres rappresenta un’ottima scelta, ricordando il lungo mandato dell’ex Primo Ministro portoghese come Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. 

“Ha mostrato grande compassione per i milioni di persone costrette a lasciare le loro case,” ha detto Ban Ki-moon, aggiungendo: “La sua esperienza politica come premier, la sua vasta conoscenza degli affari internazionali e la sua acuta intelligenza gli saranno utili per guidare le Nazioni Unite in questo momento storico cruciale.”  

Una volta che la proposta del Consiglio viene trasmessa all’Assemblea, viene preparata una bozza di risoluzione, che verrà discussa in una data fissata dal Presidente dell’Assemblea, dopo aver consultato gli stati membri.  

L’assemblea ha eletto gli ultimi cinque Segretari Generali adottando la risoluzione per consenso. Una votazione sarà necessaria solo nel caso in cui uno stato membro la richieda, e in questo caso per approvare la nomina di Guterres sarà sufficiente raggiungere la maggioranza semplice, a meno che l’Assemblea stessa non decida che la decisione richiede una maggioranza di due terzi. In entrambi i casi, la votazione è segreta. 

 

La Carta delle Nazioni Unite, firmata nel 1945, regola la selezione e l’elezione del nuovo Segretario Generale solo attraverso l’Articolo 97, che recita: “il Segretario Generale è nominato dall’Assemblea Generale su proposta del Consiglio di Sicurezza.”

Nella sua prima sessione nel 1946, l’Assemblea Generale fu molto più attiva nel processo di selezione. In quell’occasione venne creata la risoluzione A/RES/1/11, la quale stabiliva che il Consiglio assumesse un ruolo guida in tale processo, che si accordasse su un solo nome in seduta privata e che lo comunicasse all’Assemblea Generale affinché fosse sottoposto a votazione.

Ieri, l’Ambasciatore della Russia Vitaly Churkin, che esercita la Presidenza del Consiglio di Sicurezza per il mese in corso, ha informato il Presidente dell’Assemblea Peter Thomson circa il fatto che Guterres fosse emerso come favorito a seguito del sesto “sondaggio” informale per la posizione di Segretario Generale.

Oltre a Guterres, vi erano altri dodici candidati nella corsa per diventare il successore dell’attuale Segretario Ban Ki-moon, il quale terminerà il suo mandato alla fine di quest’anno.

La decisione presa oggi dal Consiglio di Sicurezza ha avvicinato le Nazioni Unite al culmine di un processo storico: la nomina di un nuovo Segretario-Generale, che per tradizione avviene a porte chiuse e viene fatta da pochi paesi potenti, ha, per la prima volta nella storia, previsto dibattiti pubblici, e ciascun candidato ha condotto una campagna per la nomina alla più alta funzione diplomatica al mondo.

Le cosiddette “riunioni informali” tra i candidati, gli Stati Membri dell’ONU e i rappresentanti della società civile hanno preso il via lo scorso 12 aprile, quando i primi tre candidati hanno presentato le loro “dichiarazioni di intenti” e hanno risposto a domande riguardanti il modo in cui promuoverebbero lo sviluppo sostenibile, in cui aumenterebbero gli sforzi per favorire la pace, proteggere i diritti umani e affrontare le enormi catastrofi umanitarie, nel caso fossero eletti a condurre l’Organizzazione.

Inoltre, lo scorso luglio, presso la hall dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si è tenuto il primo dibatto in assoluto ad essere trasmesso in televisione e sul web, dove i candidati allora confermati hanno risposto ad alcune domande poste da diplomatici e dal pubblico.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px