Giovedì, 18 Aprile 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Incontro con Toby Lanzer, rappresentante Onu per il Sahel

DSCF1082

8 sett - L’8 settembre UNRIC Bruxelles ha ospitato Toby Lanzer, Assistente Segretario Generale ONU e Coordinatore degli Aiuti Umanitari per il Sahel, per un incontro con la stampa.

Il Sahel è una fascia di territorio dell’Africa Sub-Sahariana, compresa tra il deserto del Sahara a nord e la Savana del Sudan a sud, che include Senegal, Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger, Nigeria del Nord, Camerun e Ciad.

Lanzer ha evidenziato come l’azione violenta di gruppi estremisti quali Boko Haram colpisca duramente quest’area, e non solo in termini di sicurezza e stabilità. La presenza di questi gruppi, infatti, limita fortemente la libertà di movimento degli abitanti. Di conseguenza, anche le principali attività economiche della zona vengono fortemente danneggiate: i coltivatori non riescono a raggiungere e lavorare i campi, i pescatori a raggiungere i laghi, e i commercianti a viaggiare.

Il rappresentante ONU ha rilevato come i pochi beni disponibili nei mercati abbiano dei prezzi molto elevati – proprio a causa della loro scarsità - che la maggior parte della popolazione locale non può permettersi, con il rischio quindi di una grave crisi alimentare. Lanzer ha poi attirato l’attenzione sul fatto che nella sola regione del lago Ciad, nove milioni di persone necessitano di aiuti umanitari, e più di  sei milioni sono  a rischio malnutrizione.

I recenti miglioramenti in materia di libertà di movimento nella regione hanno permesso all’Onu, in aprile, di raggiungere zone precedentemente inaccessibili, dove la situazione risulta essere ancora più drammatica, ha poi detto Lanzer, aggiungendo che restano però irragiungibili altri territori, dove si stima vivano circa due milioni di persone, e di cui non si conosce la situazione reale.

L’isolamento di certe aree di questa regione rende anche impossibile la fornitura di servizi medici adeguati,  in particolare di vaccini. Nelle ultime tre settimane sono stati registrati tre casi di polio, dopo un periodo di due anni in cui non ne era stato riportato alcuno. Il Coordinatore ONU ha dunque sottolineato che eradicare una volta per tutte questa malattia costituisce una priorità per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha già dato inizio a un piano di vaccinazioni in Nigeria.

La situazione di sicurezza complica ulteriormente la situazione, ha detto Lanzer, visto che più di due milioni e mezzo di persone hanno dovuto abbandonare le loro case a causa della violenza di Boko Haram. La città di Maiduguri, in Nigeria, ha visto raddoppiare la propria popolazione proprio in seguito allo spostamento forzato di molti abitanti della regione.

La situazione nella regione del Sahel è troppo drammatica per essere affrontata dai singoli stati singolarmente. La Nigeria ha a malapena a disposizione i fondi necessari per pagare i salari, al contrario di quanto si pensi, ha riportato Lanzer.

L’Assistente Segretario ha dunque esortato la comunità internazionale ad aumentare l’impegno umanitario in quest’area. “Se non interveniamo”, ha dichiarato, “assisteremo ad una carestia senza precedenti.”

“Inoltre, se la situazione in questa regione non migliora, dobbiamo aspettarci un aumento dei flussi migratori verso l’Europa”, ha aggiunto. Questo è dovuto non solo alla drammatica situazione del Sahel, ma anche alla sua crescita demografica.  Infatti, nella zona vivono attualmente 150 milioni di persone, e altri 180 in Nigeria. Queste cifre sono destinate ad aumentare, fino a raggiungere un totale di 700 milioni di persone entro il 2040. Di queste, circa 400 milioni nella sola Nigeria – quasi il totale della popolazione dell’Unione Europea oggi.

Lanzer ha lodato Federica Mogherini  per la maggior enfasi che l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza ha posto proprio sulla zona di Mali e Nigeria.

Tuttavia, l’Assistente Segretario ha lanciato un appello ai singoli stati membri affinché raggiungano accordi bilaterali con questi Paesi, per supportare il loro sviluppo e procurare aiuti umanitari.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px