Mercoledì, 21 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Rifugiati e migranti: questione globale, responsabilità collettiva

 video

31 ago - Il 19 settembre, l’Assemblea generale ONU organizzerà un vertice di alto livello con lo scopo di promuovere la convergenza dei Paesi su un approccio più solidale e coordinato nella risposta ai movimenti di rifugiati e migranti su ampia scala. 

La questione dei rifugiati e migranti è difatti troppo estesa perché ciascun paese possa gestirla in maniera isolata. La comunità internazionale deve lavorare insieme nella ricerca di soluzioni durature.

Nel 2015, guerra e persecuzioni hanno portato ad un significativo aumento delle migrazioni forzate. Secondo l'ultimo rapporto 'Global Trends' (UNHCR), oltre 65 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case; nel mondo, 1 persona su 113 è richiedente asilo, rifugiata o sfollata nel proprio paese. Nello stesso 2015, il numero di migranti internazionali ammontava a 243,7 milioni.

Di recente, Filippo Grandi, Alto Commissario dell’ONU per i Rifugiati, ha detto: “Un numero spaventoso di rifugiati e migranti muore in mare ogni anno; sulla terraferma, le persone che fuggono dalla guerra trovano la loro strada bloccata da confini chiusi. La politica in alcuni paesi gravita sempre più verso restrizioni nell’accesso alle procedure d’asilo. Oggi viene messa alla prova la volontà dei paesi di collaborare non solo per i rifugiati ma anche per l’interesse umano collettivo; ciò che deve davvero prevalere è lo spirito di unità.”

I governi devono provvedere al bisogno di protezione di coloro che cercano salvezza in un altro paese e favorire la loro integrazione, foriera di benefici economici per le stesse comunità ospitanti. Si tratta di misure e politiche che abbracciano un orizzonte più ampio, e sulle quali è necessario lavorare contestualmente alla risposta d'emergenza.

Per saperne di più:

https://refugeesmigrants.un.org/

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px