Mercoledì, 23 Ottobre 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Messaggio del Segretario Generale per la Giornata mondiale dell'ambiente

 SG Environment

5 giu - La ricorrenza della Giornata Mondiale dell’Ambiente quest’anno getta una luce necessaria sul commercio illecito di specie selvatiche. Vi è grande motivo di allarme. Gli elefanti vengono uccisi per il loro avorio, i rinoceronti per le loro corna, i pangolini per le loro squame. Dalle tartarughe di mare alle tigri al legno di palissandro, migliaia di specie di animali e piante selvatici sono esposti sempre più al rischio di estinzione. Le imprese e gli individui coinvolti sono motivati solo da guadagni immediati a detrimento dei benefici di lungo termine per le comunità e gli habitat. In molti casi, costoro agiscono in combutta con reti della criminalità organizzata transnazionale e gruppi attivamente coinvolti nella destabilizzazione di Paesi.

Le Nazioni Unite e i suoi numerosi partner si sono mostrati determinati a contrastare tale illecito traffico, definendo, tra le altre cose, traguardi chiari per porre fine al bracconaggio nel quadro degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile adottati lo scorso anno da tutti i 193 Stati membri. Il mese scorso, in occasione della seconda Assemblea ONU sull’ambiente a Nairobi, abbiamo lanciato la campagna globale ONU “Wild for Life”, a guida del Programma ONU per l’ambiente (UN Environment Programme, UNEP), del Programma ONU per lo sviluppo (UN Development Programme, UNDP), dell’Ufficio ONU sulle droghe e il crimine (UN Office on Drugs and Crime, UNODC) e della Convenzione sul Commercio internazionale di specie animali e vegetali selvatiche (Convention on the International Trade in Wild Species of Fauna and Flora, CITES). La campagna chiede a ciascuno di noi di prendere impegni per porre fine al commercio illegale di specie selvatiche, a partire dai comuni cittadini, i quali possono astenersi dall’acquisto di prodotti vietati, fino ai governi, i quali possono perseguire il cambiamento attraverso l’implementazione di politiche efficaci a protezione delle specie e degli ecosistemi.

L’Angola, che ospita quest’anno le celebrazioni globali per la Giornata mondiale dell’ambiente, ha fatto sapere che non tollererà più la vendita illegale di prodotti derivati dalle specie selvatiche, e a questo proposito sta rafforzando la propria legislazione e intensificando i controlli alle frontiere nel quadro delle iniziative tese a ripristinare le popolazioni di elefanti decimate dalla guerra civile nel paese. Tali misure mandano un messaggio forte, comunicando che le specie selvatiche di piante e animali sono un bene prezioso che è necessario gestire in maniera sostenibile e proteggere dal commercio illegale.

Per questa Giornata mondiale dell’ambiente, faccio appello a individui e governi in ogni parte del mondo perché lottino contro l’indifferenza, combattano l’avidità e agiscano a tutela del nostro patrimonio naturale, a beneficio delle nostre generazioni e di quelle future.

Per sapere di più sulla Giornata clicca qui 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px