Lunedì, 19 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

L'UNICEF esprime allarme per il numero di morti tra rifugiati e migranti nel Mediterraneo

 Migrants

31 mag - A seguito dei numerosi naufragi di rifugiati e migranti nel Mediterraneo avvenuti negli ultimi giorni, in cui diverse centinaia di persone sono morte e un numero imprecisato risulta ancora disperso, in un comunicato l’UNICEF ha lanciato l'allarme, esprimendo preoccupazione per i molti minori non accompagnati che si ritiene siano tra queste.

La media dei minori arrivati in Italia finora quest’anno è di 1.000 al mese, ma si tratta di un numero destinato a crescere. La stragrande maggioranza dei minori che tentano la traversata sono adolescenti non accompagnati, costretti a subire abusi indicibili, costantemente esposti al rischio di morte durante il viaggio.

“Le storie che ho ascoltato in prima persona da ragazze e ragazzi che hanno intrapreso questi viaggi sono terrificanti. Nessun bambino dovrebbe viverle. Le loro vite sono nelle mani di trafficanti che hanno a cuore solo il denaro che riescono a estorcere”, ha detto il Coordinatore Speciale UNICEF per la Crisi dei Rifugiati e Migranti in Europa Marie-Pierre Pirier.

In previsione dell’estate e del contestuale aumento nel numero di migranti minori che tentano di raggiungere l'Europa attraverso il Mediterraneo, l’UNICEF si appresta ad avviare un’operazione in collaborazione con il governo italiano e i partner per “migliorare le cure e la protezione dei bambini e degli adolescenti migranti e rifugiati presenti in Italia”, come si legge nel comunicato sul sito del Comitato italiano UNICEF.

Nel comunicato si precisano le attività previste nel quadro della collaborazione. In particolare, l'UNICEF:

- sosterrà il Governo nel monitoraggio degli standard di accoglienza dei minorenni migranti e rifugiati - con particolare attenzione per quelli non accompagnati - per assicurare che siano in linea con quanto previsto dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell'adolescenza;

- realizzerà un monitoraggio delle condizioni di vita dei minorenni migranti nei Centri di accoglienza presenti nelle tre regioni interessate dall'accordo (Sicilia, Calabria e Campania). Il monitoraggio verrà effettuato in collaborazione con le istituzioni preposte, sulla base dei diritti e dei principi sanciti dalla Convenzione;

- promuoverà il monitoraggio delle attività a sostegno della prima integrazione e dell’inclusione sociale dei bambini e degli adolescenti migranti e rifugiati.

 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px