Domenica, 21 Aprile 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

L’UNESCO condanna l’omicidio di due specialisti di antichità siriane

05 20 2015Heritage Palmyra

La direttrice generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO), Irina Bokova, mercoledì ha condannato gli assassinii di due celebri specialisti di antichità siriane.

Nell’arco di una settimana, l’archeologo Khaled Asaas è stato ucciso a Palmira come anche il direttore associato dei laboratori della direzione generale delle antichità e dei musei, Qassem Abdallah Yehys.

“Sono allo stesso tempo triste ed indignata di apprendere la morte violenta di Khaled Asaad, che dirigeva il dipartimento delle antichità appartenenti al sito del patrimonio mondiale di Palmira” - ha dichiarato Bokova in un comunicato stampa - “Condanno senza indugio quest’atto abominevole”.

Secondo le informazioni pervenute, l’archeologo di 82 anni è stato assassinato recentemente sul sito per il quale aveva lavorato per più di 50 anni. Khaled Asaas è stato rapito per più di un mese e, secondo quanto affermato dalla stampa, è stato interrogato per conoscere il luogo in cui si trovavano dei beni culturali di gran valore.

“L’hanno ucciso perché egli non ha voluto tradire il suo profondo impegno in favore del sito di Palmira” ha affermato Bokova, “Ha dedicato la sua vita a questo sito, scoprendo ed interpretando la sua ricca storia, affinché noi potessimo conoscere questa città memorabile, che è stata un crocevia dell’antichità. Il suo lavoro non sarà mai toccato da questi estremisti. Loro hanno ucciso un grande uomo, ma non potranno mai mettere a tacere la storia”.

La direttrice generale dell’UNESCO si è ugualmente rammaricata della morte di Qassem Abdallah Yehya. Secondo la direttrice generale delle antichità e dei musei, Qassem Yehya, direttore associato dei laboratori di DGAM, è stato ucciso da alcuni razzi lanciati la settimana passata sulla fortezza di Damasco e sul museo nazionale. “L’omicidio di Yehya è stato un atto deplorevole, ancora di più incredibile che questo sia stato il risultato di un attacco al museo e alla fortezza”, ha precisato la direttrice.

“Le morti brutali di Asaad e di Yehya rappresentano una perdita terribile per la comunità del patrimonio culturale della Siria e del mondo”, ha aggiunto.

La fortezza di Damasco e il museo sono stati danneggiati da questo attacco ed alcune persone appartenti al personale del museo sono state ferite. L’antica città di Damasco, che comprende la fortezza, è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1979. Lo stato islamico ha preso il controllo di Palmira il maggio scorso. Il sito di Palmira è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1980.

Per leggere l’articolo in originale, clicca qui. 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px