Lunedì, 18 Novembre 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Messaggio del Segretario Generale in occasione della Giornata mondiale di Riflessione sul Genocidio in Ruanda 2015

Segretario Generale ONU

7 APR: La  Giornata mondiale di Riflessione sul Genocidio in Ruanda offre l’opportunità di onorare la memoria delle oltre 800mila persone – in grande maggioranza Tutsi, oltre che moderati Hutu, Twa e altri – che sono state uccise sistematicamente in meno di tre mesi, poco più di due decenni fa. Si tratta inoltre di un’occasione per prendere atto del dolore e del coraggio di quanti sono sopravissuti.

La nostra sobria ricorrenza annuale è tanto più significativa quest’anno, nel quale celebriamo il 70mo anniversario della creazione delle Nazioni Unite. Occorre approfittare di questa occasione per guardare al passato, e confrontare apertamente le sfide del presente, rinnovando al contempo la nostra determinazione collettiva a impedire che tali atrocità avvengano di nuovo.

Molti Paesi si trovano ora a dover fronteggiare gravi minacce alla loro sicurezza. Le persone sono assoggettate alla brutalità di conflitti violenti e all’indegnità della povertà. La discriminazione continua ad allignare in società dilaniate dalla guerra, così come in democrazie che in gran parte vivono in pace. L’odio può manifestarsi in forma di razzismo istituzionalizzato,di contrasto su base etnica, oppure di episodi di intolleranza o esclusione. In altre circostanze, la discriminazione riflette la versione ufficiale nazionale della storia che nega l’identità di alcuni segmenti della popolazione.

Deploro pertanto i conflitti e i crimini atroci in molte parti del mondo che continuano a dividere le comunità, a uccidere e far fuggire le persone, minacciandone i sistemi economici e distruggendone il patrimonio culturale.

Il nostro primo dovere è sempre quello di prevenire che tali situazioni si manifestino e al tempo stesso tutelare esseri umani in pericolo. La mia iniziativa, battezzata My Human Rights Up Front si propone di prevenire serie violazioni dei diritti umani attraverso un’azione tempestiva basata su segnali di allerta e prima che esse degenerino ulteriormente. I miei due Consiglieri Speciali, rispettivamente sulla Prevenzione del Genocidio e sulla Responsabilità di Proteggere, lavorano per promuovere gli sforzi nazionali e internazionali per tutelare le popolazioni da crimini e atrocità. Noi miriamo a garantire un’azione sollecita e decisiva con l’obiettivo di salvare vite e porre fine agli abusi.

In occasione di questa Giornata, faccio appello alla comunità internazionale affinché vada al di là delle parole riguardo tali atrocità e non tardi ad agire tempestivamente per prevenirle. Chiedo a tutti di agire con coraggio sulla base della nostra responsabilità morale collettiva, prima che tali situazioni degenerino. Ciò è cruciale ai fini del mantenimento della pace e della sicurezza internazionali.

Come ho avuto modo di dire durante la cerimonia di commemorazione a Kigali lo scorso anno, dobbiamo praticare “Umuganda” – unirci cioè in virtù di un comune intento – per scongiurare quanto possa essere evitato e contrastare la crudeltà che si materializza davanti ai nostri occhi.

Per ulteriori informazioni circa la Giornata Mondiale e le iniziative dell'ONU a riguardo clicca qui.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px