Venerdì, 24 Maggio 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

MESSAGGIO DEL SEGRETARIO GENERALE IN OCCASIONE DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

 

(25 novembre 2011)

La violenza contro donne e ragazze assume forme diverse ed è largamente diffusa in tutto il mondo. Essa include stupri, violenza domestica, molestie sul lavoro, abusi a scuola, mutilazioni genitali femminili e violenza sessuale durante i conflitti armati. Si tratta di un tipo di violenza prevalentemente inflitta dagli uomini. Che si tratti di paesi in via di sviluppo o di paesi industrializzati, la diffusione di questa violenza ha una portata sconvolgente. La violenza - e in molti casi anche la semplice minaccia di violenza -  è uno dei più grandi ostacoli al raggiungimento della piena uguaglianza delle donne nel mondo.

Il diritto di donne e ragazze di vivere libere dalla violenza è inalienabile e fondamentale. Esso è sancito dalla legislazione internazionale sui diritti umani e dal diritto umanitario ed è inoltre al centro della mia campagna “UNiTE per porre fine alla violenza contro le donne”. Dal suo lancio nel 2008, la campagna ha stimolato l’azione di governi, società civile, mondo imprenditoriale, atleti, artisti, donne, uomini e giovani di tutto il mondo. La piattaforma di mobilitazione sociale "Say NO-UNITE" ha registrato oltre due milioni di attività, da marce di protesta a campagne di sensibilizzazione, dalla tutela legale agli aiuti diretti per le vittime.

Molte di queste attività hanno ricevuto il sostegno del Fondo fiduciario delle Nazioni Unite per porre fine alla violenza contro le donne. Dalla sua fondazione, quindici anni fa, il Fondo ha erogato sovvenzioni per un valore totale di 77 milioni di dollari a 339 iniziative in 126 Stati e territori. Vorremmo che il Fondo potesse fare ancora di più, ma le richieste di sostegno continuano a eccedere le risorse. Solo quest'anno, il Fondo ha ricevuto più di 2.500 domande per una spesa totale di quasi 1,2 miliardi di dollari. Mi rivolgo quindi a tutti i nostri partner per chiedere l’aiuto necessario a soddisfare questa richiesta che resta inevasa.

La nostra sfida è garantire che il messaggio di "tolleranza zero" si senta forte e chiaro in tutto il mondo. Per fare ciò, dobbiamo coinvolgere direttamente la società, specialmente i più giovani. In particolare, i giovani e i ragazzi devono essere incoraggiati a convertirsi in quei difensori dei quali abbiamo bisogno. Occorre promuovere modelli di comportamento maschili sani. Troppi giovani crescono ancora circondati da stereotipi negativi. Parlando con amici e colleghi sulla violenza contro le donne e contemporaneamente agendo contro di essa, si può arrivare a rompere il circolo vizioso di comportamenti che durano da generazioni.

In occasione di questa Giornata Internazionale, esorto governi e partner in tutto il mondo a sfruttare le idee, l’energia e la capacità di guida dei giovani per aiutarci a porre fine a questa epidemia di violenza. Solo allora avremo una società più giusta, pacifica ed equa.

 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px