Giovedì, 20 Giugno 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

ONU- Piano Marshall al Vertice sul Clima

Il Vertice sul Clima di Cancún: esperto ONU per il Cibo richiede un “Piano Marshall verde per l’agricoltura”

“Se non ci saranno cambiamenti sostanziali a livello politico, le emissioni dei gas responsabili dell’effetto serra, provenienti dall’agricoltura, potrebbero aumentare del 40% entro il 2030”, ha reso noto il Rappresentante Speciale ONU per il Cibo, Olivier De Schutter, chiedendo ai negoziatori riunitisi a Cancún, per il Vertice sul Clima, di “considerare il clima e le politiche agricole come strettamente correlate tra loro, al fine di far fronte al cambiamento climatico e al suo impatto disastroso sul diritto al cibo”. In tal modo, “Cancún dovrebbe spianare la strada verso un “Piano Marshall verde” per l’agricoltura”.

“Le negoziazioni che hanno inizio oggi a Cancún, sono fondamentali per garantire il diritto al cibo di centinaia di milioni di persone”, ha affermato De Schutter. “Ė fondamentale avere l’ambizione di voler ridurre le emissioni dei gas responsabili dell’effetto serra e sostenere l’adattamento al cambiamento climatico. Ad ogni modo, occorre altresì avere l’ambizione necessaria ad assicurare un sistema sostenibile per la produzione di cibo, che possa migliorare la qualità di vita delle comunità povere – le prime vittime del cambiamento climatico”.

L’impatto del cambiamento climatico sulla produzione agricola dei paesi in via di sviluppo e sulla volatilità dei mercati, è ormai ben documentato. La Conferenza intergovernativa sul Cambiamento Climatico (IPCC) stima che in Africa del Sud i raccolti ottenuti durante la stagione delle piogge potrebbero ridursi fino al 50%, tra il 2000 e il 2020, e che le aree aride o semi-aride potrebbero aumentare di 60-90 milioni di ettari, entro il 2080.  600 milioni in persone in più potrebbero trovarsi quindi a rischio di carestia, come risultato del cambiamento climatico.

“Tali previsioni sono terribili, ma i tentativi di incrementare la produzione di derrate, attraverso l’utilizzo di fertilizzanti chimici e lo sviluppo di piantagioni a larga scala altamente meccanizzate, stanno indirizzando l’agricoltura verso il cammino sbagliato”, ha avvisato l’esperto ONU. “ L’agricoltura è direttamente responsabile del 14% delle emissioni di gas responsabili dell’effetto terra prodotte dall’uomo – e di circa un terzo delle stesse, se si include il diossido di carbonio prodotto dalla deforestazione e dall’incremento delle terre coltivabili”, ha affermato De Schutter.

“Queste percentuali sono destinate ad aumentare nei prossimi anni. Una cieca propensione all’agricoltura industriale rappresenta, pertanto, una scelta non sostenibile, e anzi dannosa, per il diritto al cibo di milioni di piccoli agricoltori e di altre comunità vulnerabili.

Ciò di cui abbiamo realmente bisogno è un “Piano Marshall verde” per l’agricoltura, che incoraggi una transizione mondiale verso un sistema di produzione del cibo a basso contenuto di carbonio, e che tenga in conto dei bisogni delle comunità rurali più vulnerabili e dei piccoli agricoltori”. Secondo De Schutter, i metodi agricoli a basso contenuto di carbonio, e finalizzati a preservare le risorse, altrimenti denominati agro-ecologici, costituiscono un cammino alternativo per limitare le conseguenze del cambiamento climatico, ridurre le emissioni di gas responsabili dell’effetto serra e migliorare la qualità della vita delle comunità rurali più povere, riducendo la loro dipendenza dall’utilizzo di costosi combustibili fossili in agricoltura.

“Attraverso programmi e politiche, ambiziosi, un “Piano Marshall verde” per l’agricoltura, stimolerebbe l’approccio agro-ecologico verso un tipo d’agricoltura più sostenibile e sensibile ai bisogni delle comunità vulnerabili”, ha spiegato l’esperto ONU. “Ci sarà bisogno di sforzi di lungo periodo, durante vari decenni, ma non c’è tempo da perdere”, ha dichiarato De Schutter. “Dobbiamo iniziare fin da ora a creare un futuro sostenibile ed equo per l’agricoltura. Un “Piano Marshall verde” per l’agricoltura è indispensabile, e costituisce un obbligo, per combattere seriamente il cambiamento climatico e la fame.”

Il prossimo Rapporto del Rappresentante Speciale ONU per il Cibo, sarà presentato al Consiglio ONU per i Diritti Umani, in occasione della sedicesima sessione, che si terrà a marzo 2011, ed esplorerà le possibili implementazioni di tale piano, nonché le sue potenzialità a favore dell’agro-ecologia.

Per saperne di più:
www2.ohchr.org/english/issues/food/index.htm owww.srfood.org  

 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px