Martedì, 18 Giugno 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

ONU- Obblighi Finanziari degli Stati Membri

ONU: Fondamentale per gli Stati Membri adempiere agli obblighi finanziari

Pur riconoscendo che questo è stato un anno difficile per molti paesi a causa della recessione globale, il Vice Segretario Generale per la gestione dell’Organizzazione, Angela Kane, ha incoraggiato gli Stati Membri che non lo hanno già fatto ad adempiere agli obblighi finanziari verso l’organismo mondiale per consentirgli di proseguire nel proprio operato.

In una conferenza stampa a New York, la Signora Kane ha dichiarato che finora solo 13 su 192 Stati Membri hanno saldato in pieno tutti i contributi dovuti. Si tratta cioè del bilancio ordinario delle Nazioni Unite, di quello per le operazioni di pace, per i Tribunali Criminali Internazionali per Ruanda e ex - Yugoslavia, e per il progetto di ristrutturazione del quartier generale.

I paesi che hanno saldato interamente sono: Australia, Azerbaijan, Canada, Repubblica Democratica del Congo, Danimarca, Germania, Liechtenstein, Monaco, Paesi Bassi, Singapore, Sudafrica, Svizzera e Tanzania.

Riferendosi al bilancio ordinario, la Kane ha presentato all’Assemblea Generale un resoconto sull’attuale situazione finanziaria dell’ONU e ha confermato che 119 Stati Membro hanno saldato in pieno, mentre rimangono 73 insolventi.

I contributi del bilancio ordinario non pagati ammontano a 787 milioni di dollari, di cui l’88% (691 milioni di dollari) dovuti da un solo Stato Membro, gli Stati Uniti. Inoltre, il 9% dei 787 milioni di dollari è responsabilità di quattro paesi: Messico (50 milioni di dollari), Cile (9 milioni di dollari), Venezuela (7 milioni di dollari) e Iran (5 milioni di dollari), mentre i rimanenti  68 Stati Membri devono il residuo 3%.

“Riconosciamo che la crisi finanziaria ed economica mondiale ha impedito ad alcuni Stati Membri di ottemperare ai propri impegni finanziari in tutto o in parte, ma il nostro lavoro dipende dal vostro sostegno economico”, ha spiegato Angela Kane, aggiungendo che “è quindi fondamentale che tutti gli Stati Membri adempiano, soprattutto i principali contributori”.

Il bilancio ordinario delle Nazioni Unite viene approvato dall’Assemblea Generale ogni due anni. Lo scorso dicembre è stato approvato un bilancio di 5,16 miliardi di dollari per il biennio 2010-2011. Ciascun contributo viene calcolato sulla base della capacità finanziaria nazionale.

Circa le operazioni di pace, la Kane ha aggiunto che risultano non versati contributi pari a circa 3,2 miliardi di dollari, 1,3 miliardi in più rispetto alla fine del 2009.

Inoltre, il debito dell’Organizzazione verso I Paesi Membri che hanno contribuito militarmente e logisticamente alle operazioni di pace ammonterà a circa 430 miliardi di dollari alla fine del 2010, meno di quanto era stato previsto lo scorso maggio, e meno dei 775 miliardi di dollari della fine del 2009.

Per saperne di più:

http://www.un.org/apps/news/story.asp?Cr1=&NewsID=36450&Cr=budget

 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px