Martedì, 30 Settembre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Indice
Retroscena
Interventi politici e diplomatici
Sanzioni del Consiglio di Sicurezza
Operazioni di peacekeeping
Comando dell’operazione ibrida
Gli interventi umanitari
Diritti umani
Corte Penale Internazionale
Ambiente
Operazioni di peacekeeping Nord-Sud
Le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza
Documenti correlati
Tutte le pagine

Le Nazioni Unite e il Darfur

Diritti umani

Il Governo sudanese ha acconsentito, nel luglio 2004, alla presenza di osservatori dei diritti umani delle Nazioni Unite in Darfur, quale parte della Missione delle Nazioni Unite in Sudan (UNMIS) di monitoraggio degli accordi di pace Nord-Sud. Gli osservatori hanno riferito regolarmente sulle violazioni dei diritti umani e raccomandato azioni correttive alle autorità di Karthoum.

Nell’agosto 2004, il Segretario Generale inviò nel Darfur l’Alto Commissario per i Diritti Umani, Louise Arbour, e Juan Mendez, suo Consigliere Speciale per la Prevenzione dei Genocidi, a valutare la situazione sul campo e ad esortare tutte le parti in causa a porre un termine alle gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale. Il Consigliere Speciale ritornò poi nel Darfur nel settembre 2005 per verificare lo stato di attuazione delle raccomandazioni fatte a suo tempo.

Il 7 ottobre 2004 il Segretario Generale annunciò la costituzione di una Commissione d’inchiesta per determinare se si fossero compiuti atti di genocidio in Darfur. Nella sua relazione finale la Commissione concluse che, benché il Governo sudanese non avesse adottato una politica di genocidio, le sue forze armate e le milizie alleate avevano “condotto attacchi indiscriminati, inclusi omicidi di civili, torture, sparizioni forzate, distruzioni di villaggi, stupri e altre forme di violenza sessuale, saccheggi e esilii forzati”.

Concludendo che ” i delitti internazionali quali i crimini contro l’umanità e i crimini di guerra commessi nel Darfur non sono meno gravi ed atroci del genocidio”, la Commissione esortava il Consiglio di Sicurezza ad agire “ contro i carnefici e per conto delle vittime”.

Il 21 aprile 2005, la Commissione per i Diritti Umani (antesignana dell’attuale Consiglio per i Diritti Umani) nominò come Inviato speciale per la situazione dei diritti umani in Sudan Sima Samar, il quale, in seguito a missioni regolari in Sudan, ha inviato rapporti scritti e orali alla Commissione (e successivamente al Consiglio) e alla Terza Commissione dell’Assemblea Generale.

Nel febbraio-marzo 2007, il Consiglio per i Diritti Umani ha organizzato una missione speciale per riferire sullo stato dei diritti umani nel Darfur. Successivamente, il Consiglio ha costituito un gruppo di esperti di diritti umani per affiancare il Governo sudanese e l’Unione Africana per rendere effettiva l’attuazione di tutte le risoluzioni e raccomandazioni relative ai diritti umani nel Darfur.

Il 20 giugno, il mandato al gruppo di esperti è stato esteso per altri sei mesi. Nella sua settima relazione sulla situazione dei diritti umani in Sudan (18 maggio), l’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR) ha riferito di attacchi aerei condotti da gennaio a marzo 2007 contro la popolazione civile nel Darfur.
Il Segretario Generale ha ripetutamente portato l’attenzione del Consiglio di Sicurezza sulla violenza senza fine in quella regione e ha condannato gli attacchi ad obbiettivi civili, inclusi gli attacchi aerei ai villaggi.



Giornata Internazionale dell'Alfabetizzazione

Giornata internazionale dell'alfabetizzazione

In occasione della Giornata internazionale dell'alfabetizzazione, UNRIC, in collaborazione con '7 miliardi di altri' vi propone il video.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner