Giovedì, 30 Ottobre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Locuste del deserto: cresce il livello d’allerta nella zona del Mar Rosso

Vigilanza alta dopo le infestazioni registrate in Eritrea

Roma, 23 febbraio 2007 - La vigilanza è un elemento fondamentale per tenere sotto controllo le locuste del deserto, in particolare nelle pianure costiere del Mar Rosso, dopo le infestazioni registrate in Eritrea nel dicembre 2006, secondo quanto afferma oggi la FAO. Nel mese di gennaio le concentrazioni di locuste hanno continuato a crescere lungo le costa tra Massaua e la frontiera con il Sudan, dove di recente sono state segnalate infestazioni nelle aree costiere confinanti.

Altri paesi lungo il Mar Rosso ed il Golfo di Aden potrebbero subire infestazioni di rilevo questo inverno a causa delle piogge insolitamente abbondanti e di situazioni ambientali generalmente favorevoli. Nelle zone costiere dell’Arabia Saudita e dello Yemen gli insetti si stanno riproducendo su piccola scala e la FAO ha ricevuto anche segnalazioni di concentrazioni di locuste nel nord ovest della Somalia.

In Eritrea ed in Sudan è in corso una seconda stagione riproduttiva, che potrebbe far incrementare rapidamente il numero di locuste. “Quando la vegetazione comincia a rinsecchire, le locuste possono formare bande e sciami di esemplari giovani (cavallette) che possono spostarsi nei paesi vicini”, dice l’esperto della FAO Keith Cressman. L”agenzia ONU mantiene alta la guarda, perché le prolungate piogge potrebbero far peggiorare ulteriormente la situazione sino a rappresentare una grave minaccia per tutti i paesi della zona del Mar Rosso nei mesi di aprile/maggio.

Le operazioni di controllo
Continuano le operazioni di controllo nelle zone dove si sono verificate le infestazioni lungo le coste eritree. Equipe eritree hanno trattato oltre 15.000 ettari lungo la costa settentrionale del Mar Rosso, dove sin dallo scorso dicembre cavallette ed insetti adulti hanno continuato ad aggregarsi. La maggior parte delle attività ha interessato le coltivazioni di miglio sulla costa vicino a Shelshela ed a Sheib.

Il governo sudanese e quello yemenita hanno mobilitato altre equipe per monitorare le pianure costiere dei loro paesi e tenere sotto controllo qualsiasi infestazione che possa mettere a repentaglio i raccolti. Un aeroplano è in standby sulla costa sudanese, pronto ad intervenire per spruzzare pesticidi.

I bio-pesticidi
I bio-pesticidi sono sostanze derivate da materiali organici come animali, piante, batteri e da certi minerali. Essi aiutano a lottare contro i parassiti minimizzando i rischi per la salute umana e per l'ambiente. Il potenziale del bio-pesticida Green Muscle ® è stato ampiamente dimostrato in numerosi test sul campo in Africa.

I risultati degli esperimenti sono stati di recente resi noti in un convegno internazionale sul futuro dei bio-pesticidi nella gestione delle locuste del deserto, che la FAO e l’IFAD hanno organizzato insieme in Senegal dal 12 al 15 febbraio. Nel corso dei lavori si è evidenziata la crescente accettazione di bio-pesticidi nel controllo delle locuste e delle cavallette. Come primo risultato pratico del convegno, la FAO condurrà nel prossimo mese test sul campo lungo le pianure costiere del Mar Rosso, in Sudan, in collaborazione con il Centro nazionale della Locusta del deserto e con il Centro internazionale di Fisiologia ed Ecologia degli insetti (ICIPE la sigla in inglese).

Per maggiori informazioni:
Luisa Guarneri, Ufficio Stampa FAO
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

Notizie dalla FAO online:  http://www.fao.org/newsroom/it/index.html


Giornata delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale Ban Ki-moon in occasione della Giornata delle Nazioni Unite 2014.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner