Lunedì, 28 Luglio 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il cambiamento climatico inciderà sulla futura disponibilità di cibo

Adattare l’agricoltura, il settore forestale e la pesca alla variabilità del clima
FAO   COMUNICATO   STAMPA 06/130i

Nairobi/Roma, 7 novembre 2006 - Il cambiamento climatico inciderà direttamente sulla disponibilità futura di cibo e aggraverà la situazione già difficile di dar mangiare alla crescente popolazione mondiale, ha dichiarato ieri la FAO all'apertura dei lavori della conferenza dell’ONU sul cambiamento climatico in corso a Nairobi.
 
Intervenendo alla Conferenza, il rappresentante della FAO in Kenya, Castro Paulino Camarada, ha detto che occorre prestare maggiore attenzione all’impatto che il cambiamento climatico ha sul settore agricolo e forestale e sulla pesca ed ai mezzi adattarvisi e mitigarne gli effetti.
 
La bioenergia
 
Secondo Camarada ci sono una serie di aree dove l’expertise della FAO potrebbe dare importanti contributi.
 
“È probabile che nei prossimi 50 anni assisteremo ad uno spostamento significativo verso i biocarburanti, con il settore agricolo e quello forestale tra le fonti principali di combustibili solidi e liquidi”, ha detto. "Sebbene non esista una soluzione unica, valida per tutti i paesi, la bioenergia avrà un ruolo importante sia per quanto riguarda la mitigazione del fenomeno che l’adattamento ad esso”.
 
Con le tecnologie appropriate, la conversione in combustibile di biomassa come residui forestali e agricoli, erba, paglia, ramaglia da sottobosco potrebbe fornire una fonte abbondante di energia pulita ed a basso costo e stimolare così lo sviluppo rurale e contribuire a far aumentare i redditi e la sicurezza alimentare delle comunità rurali. Coltivazioni quali la canna da zucchero, il mais e la soia sono già impiegate per produrre etanolo o bio-diesel.
 
La Piattaforma Internazionale sulla Bioenergia della FAO, ed il recente accordo con il governo italiano di ospitare la Partnership Mondiale per le Bioenergie, sono importanti passi avanti nella promozione di uno sviluppo ed uso sostenibile ed equo della bioenergia, ha detto Camarada.
 
La gestione delle foreste
 
Per quanto riguarda le risorse forestali, la FAO ritiene che una loro migliore gestione possa essere un fattore cruciale per contrastare il riscaldamento climatico. Se sfruttate in eccesso o bruciate le foreste diventano fonte di gas serra. Allo stesso tempo, le foreste ed il legname che esse producono catturando ed immagazzinando biossido di carbonio dall’atmosfera, svolgono un ruolo importante nel contrastare il cambiamento climatico.
 
Camarada ha poi fatto riferimento al recente seminario, ospitato dalla FAO, della Convenzione Quadro dell’ONU sul Cambiamento Climatico e la riduzione dei gas serra causati dalla deforestazione nei paesi in via di sviluppo, ed ha sottolineato come la FAO abbia già fornito sostegno tecnico in questo campo.
 
Adattarsi alla variabilità del clima
 
Per la FAO è prioritario lavorare al rafforzamento della resistenza dei sistemi agricoli alla variabilità climatica.
 
Secondo Camarada, il contributo più significativo che la FAO può dare in materia di adattamento al cambiamento climatico sta nel fornire ai paesi gli strumenti e le informazioni necessarie per adattare le politiche e le pratiche agricole, forestali ed ittiche ad un regime di cambiamento climatico. Questo comporta dati agro-meteorologici ed altri strumenti per valutare l’impatto di condizioni del tempo estreme e guidare il possibile adattamento; strumenti di valutazione della vulnerabilità; rilevamento cartografico della copertura del suolo; valutazione delle risorse agricole e forestali a livello mondiale.
 
La conferenza di Nairobi si svolge dal 6 al 17 novembre.
 
 
Per maggiori informazioni:
Luisa Guarneri, Ufficio Stampa FAO
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979
 
Notizie dalla FAO online:  http://www.fao.org/newsroom/it/index.html

................................................................................................................................................
 
Radio:  Liliane Kambirigi, Responsabile relazioni con le radio, (+39) 06 570 53223
 
TV:  Pina Del Lama, Responsabile relazioni con le televisioni, (+39) 06 570 56515 / 53963
 
Foto:  La fototeca della FAO offre immagini di alta qualità gratuitamente. Visitate il sito:  http://www.fao.org/newsroom/en/photo/
 
Questo comunicato stampa è  pubblicato dall’Ufficio Relazioni con i Media dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO, www.fao.org).

Giornata Internazionale dell'amicizia

Giornata internazionale dell'amicizia

In occasione della Giornata mondiale dell'amicizia, il Centro di Informazione Regionale delle Nazioni Unite per l’Europa Occidentale, in collaborazione con Good Planet Foundation,  vi presenta il video prodotto per promuovere la fratellanza tra persone, paesi, culture ed individui, sostenendo la pace ed eliminando le barriere tra le comunità sociali.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale per le vittime di tortura, vi presentiamo questo video della campagna #TortureFreeWorld organizzata da Anti-Torture Initiative in collaborazione con Juan E. Méndez, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner