Giovedì, 24 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

SEMINARIO DELLE NAZIONI UNITE IN ITALIA PER ATTRARRE UN MAGGIORE NUMERO DI DONNE NELLE FORZE DI POLIZIA ONU

UNRIC/ITA/946/07


Le Nazioni Unite organizzano un seminario di 4 giorni in Italia presso il Centro di Formazione delle Nazioni Unite di Brindisi, per dibattere sul numero ridotto di ufficiali donne impegnate nelle operazioni delle Nazioni Unite, ancora troppo basso nonostante un recente aumento.


Negli ultimi due anni sono stati registrati progressi, tra i quali la recente introduzione in Liberia di una unità specializzata di polizia, composta da sole donne. Tuttavia,  Mark Kroeker, Consigliere di Polizia del Dipartimento delle Operazioni di Pace delle Nazioni Unite, sottolinea che l’attuale percentuale del 6% di donne nelle forze di polizia è ancora insufficiente. 


“Sono molto soddisfatto dell’aumento del numero di donne impegnate nelle forze di polizia delle missioni di pace ONU. Il fatto che esse siano presenti nelle forze di polizia e che occupino posizioni strategiche e di comando, come nel caso dell’Unità di Polizia in Liberia interamente costituita da donne, sono dati molto incoraggianti”, ha dichiarato Kroeker. “Ma bisogna fare di più. Occorre un maggior numero di donne tra gli ufficiali di polizia così da poter lanciare un messaggio importante, e cioè che le donne sono poste sullo stesso piano degli uomini nelle operazioni di mantenimento della pace.”


Il seminario, che si svolge a Brindisi dal 20 al 23 marzo, vedrà una trentina di esperti di questioni di genere, sia interni che esterni alle Nazioni Unite, discutere dei metodi per incoraggiare gli Stati membri a fornire più ufficiali di sesso femminile, oltre che elaborare linee guida operative per gli ufficiali sul terreno.
 
“Siamo grati ai Paesi che hanno fornito ufficiali alle forze di polizia ONU, ma c’è ancora molto lavoro da fare per coinvolgere più donne in questo settore”, afferma Kroeker, autore del principale intervento all’incontro di Brindisi. “Il primo e più importante motivo per cui le donne dovrebbero essere in polizia è che le organizzazioni di polizia, quando non sono forze di occupazione ma organizzazioni al servizio delle comunità, dovrebbero riflettere la composizione mista, femminile e maschile, delle stesse comunità che assistono. In questo modo si migliorano infatti la ricettività e il rispetto delle comunità verso le forze di polizia. Le donne assolvono meglio alcuni compiti, rispetto ai maschi, ad esempio in caso di aggressioni sessuali o di abusi sui bambini; le vittime sono infatti maggiormente a proprio agio trattando con un ufficiale donna”, ha concluso Kroeker.


Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner