Giovedì, 24 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Dichiarazione e Programma di azione per una cultura di Pace (A/RES/53/243)

A/RES/53/243
Adopted without a vote
13 September 1999

 NAZIONI UNITE
Assemblea Generale

Cinquantatreesima Sessione
Agenda 31
Cultura della Pace

 
Dichiarazione e Programma di azione per una cultura di Pace

 
A

Dichiarazione per una Cultura della Pace

L’Assemblea Generale,

Facendo riferimento allo Statuto delle Nazioni Unite, nonché agli scopi e ai principi in esso contenuti,

Facendo inoltre riferimento alla costituzione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, la quale afferma che "dal momento che la guerra ha inizio nelle teste degli uomini è nella mente degli esseri umani che bisogna iniziare a costruire la pace",

Facendo ulteriormente riferimento alla Dichiarazione Universale sui Diritti Umani e ad altri importanti strumenti del sistema delle Nazioni Unite,

Riconoscendo il fatto che la pace non è solo assenza di conflitto, bensì una condizione che richiede un processo positivo, di partecipazione dinamica, all’interno del quale il dialogo venga incoraggiato e i conflitti siano risolti in uno spirito di comprensione e cooperazione reciproca,

Riconoscendo inoltre il fatto che la fine della guerra fredda ha allargato le possibilità a favore del consolidamento di una cultura della pace,

Esprimendo profonda preoccupazione circa la persistenza e la proliferazione della violenza e dei conflitti in diverse parti del pianeta,

Riconoscendo la necessità di eliminare tutte le forme di discriminazione e intolleranza, comprese quelle basate su razza, colore della pelle, sesso, lingua, religione, opinioni politiche o di altro genere, nazionalità, origine etnica o sociale, proprietà, disabilità, nascita o altra condizione,

Facendo riferimento alla sua risoluzione 52/15 del 20 Novembre 1997 che proclamava l’anno 2000 "Anno Internazionale per la Cultura della Pace", e la sua risoluzione 53/25 del 10 Novembre 1998 che proclamava il periodo 2001 – 2010 "Decennio Internazionale per una Cultura della Pace e della Non Violenza per i Bambini del Mondo",

Riconoscendo il ruolo importantissimo che l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura continua a ricoprire nella promozione di una cultura della pace,

Promulga solennemente la presente Dichiarazione per una Cultura della Pace, così che Governi, organizzazioni internazionali e società civile possano essere guidati dalle sue norme nelle loro attività per promuovere e consolidare una cultura della pace nel nuovo millennio.

Articolo 1: Una cultura di pace è un insieme di valori, attitudini, tradizioni e modi di comportamento e sistemi di vita basati sul:

  1. rispetto per la vita, sulla cessazione della violenza e sulla promozione e la pratica della non violenza tramite l’educazione, il dialogo e la cooperazione;
  2. sul pieno rispetto dei principi di sovranità, integrità territoriale e indipendenza politica degli Stati e sul non intervento in quelle questioni che rientrano essenzialmente nell’ambito della giurisdizione nazionale di uno Stato, in conformità con quanto previsto dallo Statuto delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale;
  3. sul pieno rispetto e sul progresso di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali;
  4. sull’impegno in favore di una soluzione pacifica dei conflitti;
  5. sugli sforzi per soddisfare le esigenze inerenti allo sviluppo e all’ambiente delle generazioni presenti e future;
  6. sul rispetto e sulla promozione del diritto allo sviluppo;
  7. sul rispetto e sulla promozione dell’uguaglianza di diritti e opportunità per donne e uomini;
  8. sul rispetto e sulla promozione del diritto di ognuno alla libertà di espressione, di opinione e di informazione;
  9. sull’adesione ai principi di libertà, giustizia, democrazia, tolleranza, solidarietà, cooperazione, pluralismo, diversità culturale, dialogo e comprensione a tutti i livelli della società, e fra le nazioni;

e sostenuta da un ambiente nazionale e internazionale favorevole e orientato alla pace.

Articolo 2: Il cammino verso il pieno sviluppo di una cultura della pace si realizza attraverso valori, attitudini, tradizioni, modi di comportamento e sistemi di vita che siano favorevoli alla promozione della pace fra gli individui, i gruppi e le nazioni;

Articolo 3: Il pieno sviluppo di una cultura di pace è totalmente legato alla:

  1. promozione di una soluzione pacifica dei conflitti, al rispetto e alla comprensione reciproca e alla cooperazione internazionale;
  2. all’aderenza agli obblighi internazionali, ai sensi dello Statuto e del diritto internazionale;
  3. alla promozione della democrazia, dello sviluppo, del rispetto e della pratica universale di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali;
  4. al mettere in grado le persone di ogni condizione di sviluppare capacità di dialogo, negoziazione, costruzione del consenso e risoluzione pacifica delle differenze;
  5. al rafforzamento delle istituzioni democratiche e all’assicurare una piena partecipazione al processo di sviluppo;
  6. all’eliminazione della povertà e dell’analfabetismo e alla diminuzione delle disuguaglianze all’interno e fra le nazioni;
  7. alla promozione di uno sviluppo economico e sociale sostenibile;
  8. all’eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne, mediante una loro cooptazione nei gangli vitali della società e a una loro pari rappresentanza a tutti i livelli del processo decisionale;
  9. al garantire il rispetto, la promozione e la protezione dei diritti dell’infanzia;
  10. all’assicurare la libertà dell’informazione a tutti i livelli e nel migliorare l’accesso a questa risorsa;
  11. all’incrementare la trasparenza e la responsabilizzazione dell’azione di governo;
  12. all’eliminazione di tutte le forme di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e delle manifestazioni di intolleranza ad esse collegate;
  13. all’aumentare la comprensione, la tolleranza e la solidarietà fra tutte le civiltà, i popoli e le culture, comprendendo all’interno di questo processo anche le minoranze etniche, religiose e linguistiche;
  14. alla piena realizzazione dei diritti di tutti i popoli, compresi quelli che vivono in regimi coloniali o sotto altre forme di dominazione od occupazione straniera, a quell’autodeterminazione che viene tutelata dallo Statuto e inclusa nelle convenzioni internazionali sui diritti umani, come pure nella Dichiarazione sulla Concessione dell’Indipendenza ai Paesi e ai Popoli Colonizzati, contenuta nella risoluzione dell’Assemblea Generale 1514 (XV) del 14 Dicembre 1960;

Articolo 4: L’istruzione, di ogni grado, costituisce uno dei principali strumenti per costruire una cultura di pace. In questo contesto è di particolare importanza l’educazione ai diritti umani;

Articolo 5: I Governi hanno un ruolo di fondamentale importanza nel promuovere e consolidare una cultura di pace;

Articolo 6: La società civile ha bisogno di essere pienamente interessata nello sviluppo al massimo grado di una cultura di pace;

Articolo 7: Il ruolo educativo e informativo dei media contribuisce alla promozione di una cultura di pace;

Articolo 8: Un ruolo chiave nella promozione di una cultura di pace compete a genitori, insegnanti, politici, giornalisti, organismi e gruppi religiosi, agli intellettuali, a quanti sono impegnati in attività scientifiche, filosofiche, creative e artistiche, a chi opera nel settore sanitario e in quello umanitario, agli assistenti sociali, ai managers a vari livelli come pure alle organizzazioni non governative;

Articolo 9: Le Nazioni Unite dovranno continuare a rivestire un ruolo chiave nella promozione e nel rafforzamento di una cultura di pace nel mondo intero.


B

Programma d’Azione per una Cultura di Pace

L’Assemblea Generale,

Tenendo presente la Dichiarazione per una Cultura di Pace adottata il … 1999;

Facendo riferimento alla sua risoluzione 52/125 del 20 Novembre 1997, con la quale proclamava l’anno 2000 Anno Internazionale per la Cultura della pace, come pure la risoluzione 53/25 del 10 Novembre 1998, con la quale aveva proclamato il periodo 2001 – 2010 Decennio Internazionale per una Cultura di Pace e Non Violenza per i Bambini del Mondo;

Adotta il seguente Programma d’Azione per una Cultura di pace.

  • A.  Scopi, strategie e attori principali
    1. Il Programma d’Azione dovrà servire come elemento fondamentale per l’Anno Internazionale per la Cultura della pace e per il Decennio Internazionale per una Cultura di pace e Non Violenza per i Bambini del Mondo.
    2. Gli Stati Membri sono incoraggiati a intraprendere iniziative per la promozione di una cultura di pace a livello nazionale, come pure ai livelli regionale e internazionale.
    3. Per aumentare la diffusione delle attività per una cultura di pace, la società civile dovrebbe essere coinvolta ai livelli nazionale, regionale e internazionale.
    4. Il sistema delle Nazioni Unite dovrebbe incrementare gli sforzi che sta attualmente facendo per promuovere una cultura di pace.
    5. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura dovrebbe continuare a svolgere il proprio importante ruolo e offrire i suoi fondamentali contributi alla promozione di una cultura di pace.
    6. La collaborazione fra e all’interno dei diversi attori coinvolti dovrebbe essere incoraggiata e consolidata, così da creare un movimento globale in favore di una cultura della pace.
    7. Una cultura di pace potrebbe essere promossa attraverso la condivisione, fra tutti gli attori interessati, di informazioni sulle iniziative da essi svolte a tale proposito.
    8. Una efficace messa in pratica del programma d’Azione richiede la mobilizzazione di risorse, anche finanziarie, da parte dei Governi, delle organizzazioni e degli individui interessati.
    9.  

  • Iniziative di rafforzamento svolte da tutti gli attori interessati, ai livelli nazionale, regionale e internazionale
    1. Iniziative che incoraggiano lo sviluppo di una cultura della pace tramite l’educazione:
a.   Rinvigorire gli sforzi nazionali e la cooperazione internazionale al fine di promuovere l’obiettivo dell’istruzione per tutti, così da conseguire lo sviluppo umano, sociale ed economico e promuovere una cultura di pace;
b.   Garantire che i bambini, sin dalla più tenera età, traggano beneficio dall’educazione ai quei valori, quelle attitudini, modi di comportamento e sistemi di vita che li mettano in condizione di risolvere una disputa pacificamente e con uno spirito rispettoso della dignità umana, di tolleranza e non discriminazione;
c.   Coinvolgere i bambini in iniziative che istillino in loro i valori e gli obiettivi di una cultura di pace;
d.   Garantire alle donne, e in special modo alle bambine, parità di accesso all’istruzione;
e.   Favorire la revisione dei corsi educativi, comprendendo in questo processo i libri di testo, tenendo presente la Dichiarazione e Cornice d’Azione Integrata sull’Educazione per la Pace, i Diritti Umani e la Democrazia, per attuare la quale dovrebbe essere fornita, su richiesta, cooperazione tecnica da parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura;
f.   Incoraggiare e potenziare gli sforzi compiuti dagli attori interessati, così come essi vengono identificati nella Dichiarazione, in particolare l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, al fine di sviluppare valori e capacità favorevoli a una cultura di pace, compresa l’istruzione e l’addestramento nella promozione del dialogo e nella costruzione del consenso;
g.   Consolidare gli sforzi che le diverse entità del sistema delle Nazioni Unite stanno attuando per l’addestramento e l’istruzione nelle aree della prevenzione dei conflitti/gestione delle crisi, della soluzione pacifica delle dispute come pure della costruzione della pace nel periodo post-bellico;
h.   Ampliare il numero delle iniziative che promuovono una cultura della pace intraprese da diverse istituzioni educative in varie parti del mondo: tra esse sono comprese l’Università delle Nazioni Unite, l’Università per la Pace e il progetto per abbinare le università e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura
    1. Iniziative per promuovere uno sviluppo economico e sociale sostenibile
a.    Intraprendere azioni di vasta portata basate su strategie appropriate e obiettivi concordati per eliminare la povertà mediante sforzi nazionali e internazionali, tra cui dev’essere inclusa anche la cooperazione internazionale;
b.    Rafforzare la capacità nazionale di attuare politiche e programmi progettati per diminuire le disuguaglianze economiche e sociali all’interno delle nazioni stesse mediante, fra gli altri strumenti, la cooperazione internazionale;
c.    Favorire soluzioni orientate allo sviluppo che possano risolvere i problemi del debito estero e del servizio del debito dei Paesi in via di sviluppo; tali soluzioni dovranno essere eque, efficaci e durature, prendendo in considerazione anche la cancellazione del debito;
d.    Consolidamento di iniziative a tutti i livelli, che consentano di attuare strategie nazionali per la sicurezza alimentare sostenibile, tra cui lo sviluppo di iniziative per mobilizzare e ottimizzare l’allocazione e l’utilizzazione delle risorse, da qualunque fonte provengano: dalla cooperazione internazionale come dalla cancellazione del debito;
e.    Ulteriori sforzi per garantire che il processo di sviluppo sia di tipo partecipatorio e che i progetti per lo sviluppo prevedano la piena partecipazione di tutti;
f.    L’inserimento di un punto di vista che prenda in considerazione l’elemento sessuale e il coinvolgimento di donne e bambine dovrebbe essere parte integrante del processo di sviluppo;
g.    Le strategie di sviluppo dovrebbero comprendere misure speciali focalizzate sulle necessità di donne e bambini, come pure su quelle dei gruppi che hanno particolari esigenze;
h.    L’assistenza allo sviluppo in situazioni post-belliche dovrebbe consolidare quei processi di riabilitazione, reinserimento e riconciliazione che coinvolgano tutti quelli che sono stati trascinati nel conflitto;
i.    Costruzione delle competenze nelle strategie e nei progetti di sviluppo, in modo da garantirne la sostenibilità ambientale, considerando anche la salvaguardia e il recupero della base di risorse naturali;
j.    Rimozione di quegli ostacoli che impediscono la realizzazione del diritto dei popoli all’autodeterminazione, in particolare per quelle comunità che vivono sotto una dominazione coloniale o sono sottoposti ad altre forme di dominazione straniera, o di occupazione, da parte di un altro Paese, che influiscono negativamente sul loro sviluppo sociale ed economico.
    1. Iniziative per promuovere il rispetto di tutti i diritti umani:
a.    Piena realizzazione di quanto previsto dalla Dichiarazione di Vienna e dal relativo Programma di Azione;
b.    Incoraggiare lo sviluppo di piani d’azione nazionali per la promozione e la difesa di tutti i diritti umani;
c.    Consolidamento delle capacità e delle istituzioni nazionali nel campo dei diritti umani, anche tramite istituzioni nazionali per i diritti umani;
d.    Realizzazione e implementazione dei diritto allo sviluppo, secondo quanto stabilito nella Dichiarazione sul Diritto allo Sviluppo, dalla Dichiarazione di Vienna e dal relativo Programma d’Azione;
e.    Raggiungimento degli obiettivi stabiliti per il Decennio delle Nazioni Unite per l’Educazione ai Diritti Umani (1995 – 2004);
f.    Distribuzione capillare e promozione a tutti i livelli della Dichiarazione Universale sui Diritti Umani;
g.    Ulteriore appoggio per le attività dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani volte all’adempimento del suo mandato, secondo quanto stabilito dall’Assemblea Generale con la risoluzione 48/141 del 20 Dicembre 1993, come pure per le responsabilità ad esso conferite tramite successive risoluzione e decision

       

    1. Iniziative per garantire la parità fra donne e uomini:
a.    Incorporare il punto di vista sessuale nell’attuazione di tutti gli appropriati strumenti internazionali;
b.    Ulteriore sviluppo di quegli strumenti internazionali che promuovano l’uguaglianza fra donne e uomini;
c.    Attuazione della Piattaforma d’Azione di Pechino, adottata in occasione della Quarta Conferenza Mondiale sulle Donne, garantendo la disponibilità di adeguate risorse e volontà politica; tale obiettivo dovrà essere raggiunto mediante, fra gli altri, l’elaborazione, l’attuazione e lo sviluppo di piani d’azione nazionali;
d.    Favorire l’uguaglianza fra donne e uomini nei processi decisionali di tipo economico, sociale e politico;
e.    Ulteriore potenziamento degli sforzi compiuti dai diversi organismi facenti parte del sistema delle Nazioni Unite per eliminare tutte le forme di discriminazione e di violenza nei confronti delle donne;
f.    Offerta di sostegno e assistenza alle donne che sono state vittime di una qualsiasi forma di violenza, tra cui quelle verificatesi in casa, sul posto di lavoro e nel corso di conflitti armati.


      1. Iniziative per stimolare la partecipazione democratica:
    a.    Consolidamento dell’intera gamma di azioni tese a promuovere i principi e le attività democratiche;
    b.    Porre un’enfasi speciale sui principi e sulle attività democratiche a tutti i livelli di istruzione: formale, informale e non formale;
    c.    Creazione e potenziamento di quelle istituzioni e di quei processi nazionali che promuovano e sostengano la democrazia mediante, tra le altre cose, l’addestramento e la costruzione di capacità nei pubblici ufficiali;
    d.    Incremento della partecipazione democratica mettendo a disposizione, tra le altre cose, assistenza elettorale su richiesta degli Stati interessati, basandosi a tal fine sulle relative linee guida fissate dalle Nazioni Unite;
    e.    Combattere il terrorismo, il crimine organizzato, la corruzione, come pure la produzione, il traffico e l’impiego di droghe e il riciclaggio di denaro di provenienza illecita, dal momento che tali pratiche illecite minano le democrazie e impediscono il pieno sviluppo di una cultura di pace; 


      1. Iniziative per far progredire la comprensione, la tolleranza e la solidarietà:
    a.    Attuazione della Dichiarazione dei Principi sulla Tolleranza e del Piano d’Azione Successivo per l’Anno delle Nazioni Unite per la Tolleranza (1995);
    b.    Sostenere le attività svolte nel contesto dell’Anno delle Nazioni Unite per il Dialogo fra le Civiltà, nel 2001;
    c.    Studiare ulteriormente quelle tradizioni e usanze locali o indigene che sono state in passato impiegate con successo per risolvere le dispute e promuovere la tolleranza, con l’obiettivo di trarne utili insegnamenti;
    d.    Favorire quelle iniziative che agevolino la comprensione, la tolleranza e la solidarietà in ogni settore della società, in particolar modo per ciò che riguarda i gruppi vulnerabili;
    e.    Sostenere ulteriormente il raggiungimento degli obiettivi stabiliti per il Decennio Internazionale dei Popoli Indigeni del Pianeta;
    f.    Appoggiare quelle iniziative che favoriscano la tolleranza e la solidarietà nei confronti di rifugiati e profughi, tenendo presente l’obiettivo di agevolare il loro volontario ritorno e il reinserimento sociale nel paese natio;
    g.    Appoggiare le iniziative che favoriscano la tolleranza e la solidarietà nei confronti degli emigranti;
    Promuovere una maggiore comprensione, tolleranza e cooperazione fra tutti i popoli mediante, tra h.    l’altro, un uso appropriato delle nuove tecnologie e la capillare distribuzione di informazioni;
    Appoggiare quelle iniziative che favoriscano la comprensione, la tolleranza, la solidarietà e la cooperazione fra i popoli e tra le nazioni.

         

      1. Iniziative per sostenere una comunicazione partecipatoria e il libero flusso delle informazioni e della conoscenza:
    a.    Appoggiare il ruolo fondamentale svolto dai media nella promozione di una cultura di pace;
    b.    Garantire la libertà di stampa e la libertà di informazione e comunicazione;
    c.    Fare un uso efficace dei media per difendere e divulgare l’informazione su una cultura di pace coinvolgendo, ove sia opportuno, le Nazioni Unite e i relativi meccanismi regionali, nazionali e locali;
    d.    Promuovere una comunicazione di massa che metta le comunità in condizione di esprimere le proprie necessità e di partecipare al processo decisionale;
    e.    Assumere provvedimenti per affrontare la questione della violenza nei media, comprese le nuove tecnologie dell’informazione, fra cui Internet.

         

      1. Iniziative per promuovere la pace e la sicurezza internazionali:
    a.    Appoggiare un disarmo completo e generalizzato, seguendo un regime di controllo internazionale severo ed efficace e prendendo in considerazione a tal fine le priorità stabilite dalle Nazioni Unite in materia di disarmo;
    b.    Trarre, ove opportuno, insegnamenti tendenti a una cultura di pace appresi dagli sforzi di "conversione militare", secondo quanto avvenuto in alcune nazioni del pianeta;
    c.    Porre l’accento sul fatto che l’acquisizione di territori con la guerra è inammissibile, ed evidenziare la necessità di lavorare per una pace giusta e duratura in ogni parte del mondo;
    d.    Favorire le misure che costruiscano la fiducia e incoraggiare gli sforzi per negoziare accordi pacifici;
    e.    Prendere provvedimenti che eliminino la produzione e il traffico illegale di armi di piccolo calibro e di armamenti leggeri;
    f.    Sostenere le iniziative che, ai livelli nazionale, regionale e internazionale, affrontino i problemi concreti derivanti dalle situazioni post-belliche, quali la smobilitazione e il reinserimento nella società degli ex combattenti, come pure dei rifugiati e dei profughi, i programmi per la raccolta delle armi, gli scambi di informazioni e la costruzione della fiducia;
    g.    Scoraggiare e frenare l’adozione di qualunque provvedimento unilaterale che non sia conforme al diritto internazionale e allo Statuto delle Nazioni Unite e che ritardi il pieno raggiungimento dello sviluppo economico e sociale da parte delle popolazioni dei Paesi interessati, in particolare donne e bambini, impedendo il loro benessere e creando ostacoli al pieno godimento dei loro diritti umani, compreso il diritto di ciascuno a godere di un livello di vita adeguato per la propria salute e benessere e il loro diritto a cibo, cure mediche e ai necessari servizi sociali, mentre si ribadisce che cibo e medicinali non debbono essere impiegati come strumento per esercitare pressioni politiche;
    h.    Frenare le forme di coercizione militare, politica, economica o di altro genere che siano in contrasto con il diritto internazionale e con lo Statuto, orientate contro l’indipendenza politica o l’integrità territoriale di un qualsiasi Stato;
    i.     Raccomanda un esame approfondito circa l’impatto umanitario esercitato dalle sanzioni, in special modo per quel che riguarda donne e bambini, con l’obiettivo di ridurne al minimo gli effetti umanitari;
    j.     Promuovere un maggiore coinvolgimento delle donne nella prevenzione e nella soluzione dei conflitti e, in particolare, nelle attività che promuovano una cultura di pace in situazioni post-belliche;
    k.    Nel corso di situazioni di conflitto promuovere iniziative quali i giorni di tranquillità, impiegati per svolgere campagne di vaccinazione e di distribuzione di medicinali; i corridoi di pace, utilizzati per garantire la distribuzione delle forniture umanitarie; dei santuari di pace, adoperati per rispettare il ruolo fondamentale delle istituzioni mediche e sanitarie quali ospedali e cliniche;
    l.     Favorire, su richiesta e nei casi in cui lo si ritenga opportuno, l’addestramento del personale delle Nazioni Unite interessato, delle organizzazioni regionali pertinenti e degli Stati Membri, nelle tecniche per la comprensione, la prevenzione e la soluzione di conflitti.

     

    (Bangladesh: Draft Resolution A/53/l.79, 10 September 1999. A/53/PV.107)

    Traduzione non ufficiale a cura del Centro di Informazione delle Nazioni Unite (UNIC), Roma.

     

Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner