Giovedì, 24 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Iniziative interreligiose mobilitano miliardi di persone nella lotta al cambiamento climatico

Nel Castello di Windsor, a Londra, si è tenuto un evento cruciale rivolto all’ottantacinque percento della popolazione mondiale seguace di una religione.

Il summit sul cambiamento climatico di capi religiosi e laici è stato tenuto congiuntamente con il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon.

All’evento, organizzato dall’Alleanza delle religioni e della conservazione (ARC) fondata dal principe Filippo, i leader religiosi delle principali religioni del mondo si sono incontrati per ribadire la fragilità della terra e per discutere di iniziative atte a proteggerla contro i danni del cambiamento climatico.

Parlando alla BBC, Ban Ki-moon ha sottolineato che “senza il pieno sostegno e senza la cooperazione dei leader religiosi, sarà molto difficile raggiungere un accordo vincolante a Copenhagen.”

Questo dicembre a Copenhagen, i leader mondiali avranno infatti l’opportunità di firmare un accordo sul clima dove “i negoziati dovranno essere sostenuti in maniera vigorosa dai cittadini globali e in particolar modo dai leader religiosi che contano così tanti seguaci”, ha aggiunto il Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Secondo l’ARC, gruppi caratterizzati da un credo religioso possiedono circa l’ottanta percento delle terre abitabili del pianeta, controllano decine di gruppi mediatici, più della metà delle scuole del mondo, nonché il sette percento degli investimenti finanziari per un valore di miliardi di miliardi.

Gli svariati punti di accordo tra le diverse religioni in tema di etica ambientale evidenziano il potenziale dei fedeli del mondo nello stimolare azioni ambientali positive.

Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner