Giovedì, 24 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

INAUGURAZIONE DELLA 61° SESSIONE DELL’ASSEMBLEA GENERALE ONU

Sheikha Haya Rashed Al Khalifa of Bahrain, la prima donna in 37 anni a ricoprire il ruolo di Presidente dell’Assemblea Generale, ha aperto questa mattina la 61a sessione dell’Assemblea esortando gli Stati Membri a mantenere lo slancio generato lo scorso anno per rivitalizzare e rinforzare il ruolo delle Nazioni Unite in modo che continuino a costituire “un segnale di speranza, pace e prosperità per tutti”.


“Le Nazioni Unite sono un’organizzazione di speranza basata su impegno, consenso e coesistenza... solamente lavorando insieme possiamo fare veramente la differenza, traducendo il nostro impegno in azioni effettive”, ha sostenuto Sheikha Haya. “Al giorno d’oggi le Nazioni Unite affrontano molte sfide. C’è bisogno della fiducia e del sostegno della popolazione di tutto il mondo, esattamente come tutti i popoli del mondo hanno bisogno di tale Organizzazione”, ha affermato.


Ha proseguito complimentandosi per il lavoro che l’Assemblea ha svolto sotto il Presidente uscente, lo svedese Jan Eliasson, nel realizzare molte riforme di ampio raggio messe in moto dai governanti mondiali in occasione del Vertice Mondiale del 2005, nell’aree di sviluppo, pace, sicurezza collettiva, diritti umani, e migliorando le strutture gestionali dell’Organizzazione. “La visione collettiva dei leader mondiali in favore di un approccio multilaterale più reattivo alle molteplici sfide cui si trova a far fronte il mondo, deve continuare a guidare le nostre azioni comuni per costruire un pianeta più sicuro, libero e prosperoso per tutti gli esseri umani”, ha detto.


Sottolineando l’istituzione della Commissione per il  Peacebuilding e del nuovo Consiglio dei Diritti Umani, così come la creazione del Fondo Centrale di Risposta alle Emergenze e l’adozione della Strategia Globale Anti-terrorismo, il Presidente dell’Assemblea generale ha sostenuto l’importanza di incrementare, allargare ed approfondire i progressi raggiunti fino ad ora. “L’Assemblea deve continuare ad evolversi e a lottare per fornire soluzioni sostenibili alle sfide più importanti dei nostri tempi”.  Il Presidente ha inoltre fatto appello agli Stati Membri affinchè rendano l’Assemblea Generale e le Nazioni Unite ancora più efficaci.


L’Assemblea ha avuto l’ambizioso compito di far fronte alle aspettative di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che erano povere, malnutrite e analfabete o malate, ha affermato Sheida Haya Rashed Al Khalifa. Inoltre, la metà della popolazione mondiale, ovvero le donne, ha solitamente minor accesso all’assistenza sanitaria, ad un impiego e alla proprietà privata. “Per promuovere l’uguaglianza dei generi, abbiamo bisogno di conferire potere alle donne, in modo che acquisiscano maggiore autonomia nel gestire le proprie vite”. Ha anche esortato gli Stati Membri a non perdere di vista il ruolo cruciale che le Nazioni Unite giocano nel mantenimento della pace e della sicurezza.


L’Assemblea ha inoltre deciso che i seguenti programmi ed enti delle Nazioni Unite si riuniscano: la Commissione sull’esercizio dei diritti inalienabili da parte della popolazione palestinese; la Commissione sulle relazioni con lo stato ospite; il Gruppo di Lavoro sul finanziamento dell’Agenzia delle Nazioni Unite per l'Assistenza e la Ricostruzione a favore dei Rifugiati di Palestina nel Vicino Oriente; la Commissione per il disarmo delle Nazioni Unite; la Commissione Speciale di investigazione sulle pratiche israeliane che colpiscono i diritti umani della popolazione palestinese e degli altri arabi dei Territori Occupati; il Comitato esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo e del Fondo delle Nazioni Unite per le Attività delle Popolazioni; la Commissione ad hoc sulla Convenzione Internazionale globale ed integrata per la promozione e la tutela dei diritti e della dignità delle persone con disabilità.; e il Comitato per le conferenze.


 


 


* * *


Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner