Venerdì, 25 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Dichiarazione del Segretario Generale in occasione dell’incontro delle Nazioni Unite sulla pace israelo-palestinese

È per me un grande piacere poter inviare i miei saluti ai partecipanti a questo incontro organizzato sotto l’egida del Comitato per l’esercizio dei diritti inalienabili del popolo palestinese.


Questo evento ha luogo in un periodo di continue tensioni e di incertezza sul campo. Atti di violenza, che causano la morte di civili innocenti, avvengono quasi su base quotidiana.


Questo periodo è anche un momento di grandi cambiamenti e di transizione sia per i Palestinesi, sia per gli Israeliani.


Il popolo palestinese, attraverso un dibattito e un referendum previsto per luglio, sta cercando un accordo su una piattaforma comune per rafforzare l’unità nazionale. Si spera che in questo processo, il governo palestinese si avvicinerà ai principi enfatizzati dal Quartetto all’inizio di questo anno.


Israele sta considerando un ritiro dalla Cisgiordania. Se il processo verrà negoziato e coordinato con la Palestina, questo aiuterà a realizzare l’obiettivo dei due Stati. Se non sarà così, complicherà i tentativi di realizzare questo obiettivo e pregiudicherà la questione dello status finale.  


È essenziale che vi sia un impegno parallelo da parte di entrambi per registrare dei progressi nelle questioni chiave. Accolgo con favore la determinazione del Presidente Abbas e del Primo Ministro Olmert nel perseguire la pace. Non dimentichiamo che la maggior parte degli Israeliani e dei Palestinesi vuole una soluzione negoziata dei due Stati. È responsabilità di tutte le parti rispondere a questo bisogno urgente e ben ponderato. I partner regionali svolgono un ruolo importante nel facilitare tale processo. Infatti la soluzione dei due Stati è di cruciale importanza non solo per la sicurezza e la prosperità degli Israeliani e dei Palestinesi, ma per la stabilità di tutta la regione.  


Nel frattempo, la situazione umanitaria nei Territori palestinesi occupati continua ad essere preoccupante. Il Quartetto ha recentemente appoggiato una proposta dell’Unione Europea per la creazione di un meccanismo internazionale temporaneo volto a fornire assistenza al popolo Palestinese. Il lavoro sulla proposta è stato completato e l’assistenza comincerà presto a raggiungere coloro che ne hanno bisogno. Nel frattempo, Israele deve cercare di migliorare la situazione umanitaria, mantenendo le sue responsabilità nei Territori palestinesi occupati e gli obblighi in ottemperanza agli accordi stipulati in precedenza. Invito inoltre i donatori internazionali a intervenire per evitare una crisi umanitaria, reagendo senza ritardi dopo l’ultimo appello.


Le Nazioni Unite, da parte loro, continueranno ad impegnarsi pienamente per cercare di raggiungere una soluzione ampia, equa e duratura al conflitto israelo-palestinese, sulla base delle Risoluzioni 242, 338, 1397 e 1515 del Consiglio di Sicurezza. Permettetemi di farvi i miei migliori auguri per il successo delle vostre decisioni.


 


Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner