Martedì, 26 Settembre 2017
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Rapporto dell'Alto Commissario Zeid Ra'ad Al Hussein al Consiglio dei Diritti Umani

Zeid High Commissioner for Human Rights

11 set - In occasione della 36esima sessione del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, l'Alto Commissario, Zeid Ra'ad Al Hussein, ha presentato un rapporto per delineare la situazione dei diritti umani in tutto il mondo, e in particolare nelle zone di crisi. 

L'Alto Commissario ha dedicato parte del suo intervento al Mediterraneo, e alle difficoltà incontrate dai migranti in fuga da guerra e violenze che provano ad attraversarlo. L'Alto Commissario ha auspicato che nel Mediterraneo le operazioni  di salvataggio delle ONG, parzialmente sospese dopo minacce da parte della Guardia Costiera libica, possano riprendere, e che tutti gli attori responsabili aiutino nel soccorso dei migranti. L'Alto Commissario ha ricordato che qualsiasi azione che impedisca le azioni di soccorso in mare, e i rimpatri forzati di persone tutelate dalla Convenzione sui Rifugiati costituisce una violazione del diritto Marittimo e del diritto internazionale.

L'Alto Commissario ha espresso il suo orrore alle condizioni orribili a cui sono sottoposti i migranti intercettati in Libia. Questi includono, ma non sono limitati a omicidi, schiavitù, tortura, stupri, traffico di esseri umani e denutrizione. L'Alto Commissario ha espresso il suo stupore per le notizie di patti stretti tra paesi europei e forze libiche, operanti anche al di fuori dei labili confini della legalità, per fermare e detenere i migranti in condizioni che violano i diritti umani. Per questo, l'Alto Commissario ha esortato l'Unione europea e i suoi stati membri ad assicurare che la cooperazione con la Libia porti al rispetto dei diritti umani in quel paese.

Per leggere l'intervento completo dell'Alto Commissario, clicca qui.

SDG POSTER IT UN Artboard Poster

“Together - Rispetto, sicurezza e dignità per tutti”

 La campagna mette in luce i contributi economici, culturali e sociali che migranti e rifugiati offrono ai paesi di origine, transito e destinazione. Inoltre, mira a contrastare la disinformazione e le percezioni sbagliate sull'argomento.

Together Logo

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner