Sabato, 25 Aprile 2015
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Giro di vite contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata

FAO Barche a Madras

11GIU: I Paesi hanno fatto oggi un importante passo avanti nella lotta contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (pesca IUU l'acronimo inglese) approvando una serie di linee guida internazionali che riterranno gli stati maggiormente responsabili per le attività dei pescherecci battenti la loro bandiera.

Le Voluntary Guidelines for Flag State Performance (Linee guida volontarie per il comportamento degli Stati di bandiera) precisano una serie di azioni che i paesi possono adottare per garantire che le navi registrate sotto la loro bandiera non pratichino attività di pesca IUU, una delle minacce più grandi per la pesca sostenibile e per i mezzi di sussistenza che da essa dipendono.

Anche se le linee guida sono volontarie, la loro approvazione da parte dei membri della Commissione Pesca della FAO (COFI), attualmente riunita a Roma, è un segnale forte da parte dei paesi della loro intenzione di aderire a un insieme condiviso di standard per le prestazioni dello Stato di bandiera. Elaborate in diversi anni di negoziati, le linee guida godono adesso di un ampio sostegno internazionale.

E' difficile quantificare in modo preciso, ma si ritiene che la pesca IUU, di molto aumentata negli ultimi 20 anni, ammonti a una quantità compresa tra gli 11 e i 26 milioni di tonnellate pescato all'anno, per un valore tra i 10 ed i 23 miliardi di dollari.

"La decisione di oggi rappresenta una grossa svolta nella lotta contro la pesca IUU, che non solo mette a rischio gli ecosistemi marini, ma mina qualsiasi sforzo intrapreso a livello nazionale, regionale o internazionale di gestire la pesca in modo sostenibile", ha affermato Árni M. Mathiesen, Vice Direttore Generale della FAO per la Pesca e l'Acquacoltura.

"Insieme all'Agreement on Port State Measures del 2009 (Accordo sulle misure dello Stato di approdo), che aiuta a impedire l'ingresso nei porti ai pescherecci IUU, e quindi blocca il flusso di pescato IUU nei mercati nazionali e internazionali, queste linee guida forniranno un potente strumento per combattere la pesca IUU nei prossimi decenni", ha aggiunto.

La fine del cosiddetto "flag hopping"

Il concetto di Stato di bandiera si riferisce a qualsiasi paese - sia costiero sia senza sbocco sul mare - che registra un peschereccio e lo autorizza a battere la sua bandiera.

Gli Stati di bandiera sono già tenuti a mantenere un registro delle proprie navi, schedate insieme alle informazioni sull'autorizzazione a pescare, su quali specie possono pescare e su che tipo di attrezzature possono utilizzare.

Tuttavia, molti pescherecci impegnati in attività illegali, eludono le misure di controllo con la cosiddetta tecnica del "flag hopping " - cambio frequente di bandiera per eludere ogni rilevamento.  Questa pratica ovviamente mina qualsiasi sforzo anti-IUU.

Le linee guida volontarie mirano a reprimere questa pratica, tra le altre cose, promuovendo una maggiore cooperazione e lo scambio d'informazioni tra i paesi, mettendo gli Stati di bandiera in grado di rifiutare la registrazione delle navi che sono state precedentemente segnalate per la pesca IUU, o che sono già registrate con un altro Stato di bandiera.

Le linee guida forniscono anche indicazioni su come i paesi potrebbero incoraggiare la conformità alle norme e agire contro quelle navi che non le rispettano, nonché su come migliorare la cooperazione internazionale per aiutare i paesi in via di sviluppo ad ottemperare le loro responsabilità in quanto Stato di bandiera.

Le linee guida si basano sul diritto marittimo internazionale esistente, oltre che su molti importanti strumenti internazionali stabiliti nell'ambito della FAO: il Compliance Agreement del 1993, il Codice di condotta per una pesca responsabile del 1995, il Piano d'azione internazionale del 2001 per prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca IUU.

La Commissione pesca della FAO (COFI)

COFI è l'unico forum intergovernativo globale, fatta eccezione per l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove vengono esaminati questioni e problemi relativi alla pesca internazionale e all'acquacoltura, e dove vengono decise raccomandazioni per gli interventi da parte dei governi, degli organismi regionali di pesca, delle ONG, dei lavoratori del settore ittico, della FAO e dell'intera comunità internazionale.

La 31ª sessione del COFI è in corso di svolgimento presso la sede della FAO a Roma fino alla fine della settimana.

The nexus between crime and development 

Ecco un altro dei film presentati all'apertura del 13° Congresso delle Nazioni Unite sulla prevenzione del Crimine e la Giustizia Penale - Il nesso tra il crimine e lo sviluppo

 

60 Years UN Crime Congress 

Ecco uno dei due film presentati durante l'apertura del 13° Congresso delle Nazioni Unite sulla prevenzione del Crimine e la Giustizia Penale

 

Videoritratti dal Ruanda per la Giornata della commemorazione delle vittime del genocidio - "7 Billion Others" 

Ecco il video della campagna "7 Billion Others" in occasione della Giornata mondiale di Riflessione sul Genocidio in Ruanda, 7 aprile 2015.

How safe is your food? - Giornata Mondiale della Salute 2015

Ecco il video dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in occasione della Giornata Mondiale della Salute del 7 Aprile 2015.

Cosa c'è nel tuo pasto? Da dove provengono gli ingredienti? Sono stati gestiti correttamente e in maniera sicura in ogni fase della produzione, dalla terra alla tavola? L'OMS sta esortando ad agire in questi settori nel giorno della Giornata Mondiale della Salute, il 7 aprile 2015, ed invita i produttori, i leaders politici e l'opinione pubblica a promuovere la sicurezza alimentare.

 

Secretary General's message for International Day of Mine Awareness and Assistance in Mine Action

Ecco il video-messaggio di Ban Ki-moon in occasione della Giornata Internazionale per la Consapevolezza sulle Mine e l'Assistenza all'Azione Contro le Mine 2015.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner