Sabato, 25 Ottobre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il Direttore Esecutivo di UNODC, Yuri Fedotov, lancia il protocollo sul traffico illecito di migranti.

Yuri Fedotov

13 MAG: Sembra che decine di persone siano annegate ieri, 12 maggio 2014, quando un'imbarcazione con più di 400 migranti a bordo si è capovolta non lontano da Lampedusa. Anche se la metà dei migranti è stata salvata dalla guardia costiera, l'altra metà è ancora dispersa o peggio, morta.

Queste morti riecheggiano quelle del tragico incidente accaduto ai primi di ottobre dello scorso anno, quando circa 365 migranti annegarono a Lampedusa a seguito del ribaltamento della loro barca.

Per fermare il traffico illecito dei migranti, la comunità internazionale deve prendere un'azione ferma. Come primo passo, i paesi possono ratificare il protocollo sul traffico illecito di migranti.

Finora, 138 Stati l’hanno ratificato, ma per dare una risposta veramente integrata, ogni paese deve farne parte e criminalizzare la tratta.

Bisogna però fare di più. Gli stati possono utilizzare il protocollo per sviluppare un'azione internazionale contro il traffico di migranti promuovendo cooperazione transnazionale, scambi d’informazioni e operazioni congiunte per smantellare le reti criminali.

La comunità internazionale deve inoltre intraprendere azioni coordinate per rintracciare e confiscare i profitti del traffico di migranti. A nessuno dovrebbe essere permesso di trarre profitto dal desiderio disperato di altri di cercare una nuova vita e un inizio.

La nostra sfida globale è confrontarsi con le reti criminali, proteggendo i diritti fondamentali e i migranti dal traffico illecito. Possiamo farlo, però, solo lavorando insieme, sulla base del protocollo sul traffico illecito di migranti.

Per saperne di più, clicca qui.

Giornata delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale Ban Ki-moon in occasione della Giornata delle Nazioni Unite 2014.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner