Venerdì, 29 Maggio 2015
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il Direttore Esecutivo di UNODC, Yuri Fedotov, lancia il protocollo sul traffico illecito di migranti.

Yuri Fedotov

13 MAG: Sembra che decine di persone siano annegate ieri, 12 maggio 2014, quando un'imbarcazione con più di 400 migranti a bordo si è capovolta non lontano da Lampedusa. Anche se la metà dei migranti è stata salvata dalla guardia costiera, l'altra metà è ancora dispersa o peggio, morta.

Queste morti riecheggiano quelle del tragico incidente accaduto ai primi di ottobre dello scorso anno, quando circa 365 migranti annegarono a Lampedusa a seguito del ribaltamento della loro barca.

Per fermare il traffico illecito dei migranti, la comunità internazionale deve prendere un'azione ferma. Come primo passo, i paesi possono ratificare il protocollo sul traffico illecito di migranti.

Finora, 138 Stati l’hanno ratificato, ma per dare una risposta veramente integrata, ogni paese deve farne parte e criminalizzare la tratta.

Bisogna però fare di più. Gli stati possono utilizzare il protocollo per sviluppare un'azione internazionale contro il traffico di migranti promuovendo cooperazione transnazionale, scambi d’informazioni e operazioni congiunte per smantellare le reti criminali.

La comunità internazionale deve inoltre intraprendere azioni coordinate per rintracciare e confiscare i profitti del traffico di migranti. A nessuno dovrebbe essere permesso di trarre profitto dal desiderio disperato di altri di cercare una nuova vita e un inizio.

La nostra sfida globale è confrontarsi con le reti criminali, proteggendo i diritti fondamentali e i migranti dal traffico illecito. Possiamo farlo, però, solo lavorando insieme, sulla base del protocollo sul traffico illecito di migranti.

Per saperne di più, clicca qui.

UN Secretary-General Ban Ki-moon's message for Expo Milano 2015

Ecco videomessaggio del Segretario Generale in occasione dell'inaugurazione di Expo 2015 Milano

 

Faces - United nation Free & Equal

Il video della campagna ONU Free & Equal per celebrare il contributo di milioni di lesbiche, gay, bisessuali e transgender per le famiglie e le comunità locali di tutto il mondo. Nel cast figurano personaggi reali (non attori) nei loro luoghi di lavoro e nelle loro case - tra i quali, un vigile del fuoco, un poliziotto, un insegnante, un elettricista, un medico e un volontario, così come il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner