Venerdì, 22 Maggio 2015
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Dichiarazione dell’Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Sahel, Romano Prodi, sulle elezioni presidenziali in Mali (22 agosto 2013)

Elezioni in Mali

L’Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Sahel, Romano Prodi, si è congratulato con la popolazione maliana e il presidente eletto Ibrahim Boubacar Keita per la conclusione positiva delle recenti elezioni.

Prodi ha reso omaggio anche allo sfidante e secondo classificato, Soumaïla Cissé, per l’importante ruolo che ha svolto nel processo elettorale.

La conclusione delle elezioni presidenziali è una pietra miliare lungo la strada verso il ritorno di pace e democrazia in Mali. Il processo elettorale contribuirà ulteriormente al consolidamento del processo di democratizzazione, permettendo così al Mali di costruire un futuro migliore. L’attenzione collettiva deve adesso concentrarsi sull’integrazione delle istituzioni democratiche, la promozione della riconciliazione nazionale e il sostegno allo sviluppo attraverso crescita economica e creazione di posti di lavoro.

L’Inviato Speciale Prodi ribadisce inoltre la natura regionale di sfide e opportunità, ricordando che l’intera regione del Sahel, ancora fragile, ha bisogno di supporto per poter raggiungere una pace sostenibile. A tal fine, il sistema ONU è impegnato nell’attuazione della Strategia Integrata per il Sahel, presentata al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite lo scorso giugno.

UN Secretary-General Ban Ki-moon's message for Expo Milano 2015

Ecco videomessaggio del Segretario Generale in occasione dell'inaugurazione di Expo 2015 Milano

 

Faces - United nation Free & Equal

Il video della campagna ONU Free & Equal per celebrare il contributo di milioni di lesbiche, gay, bisessuali e transgender per le famiglie e le comunità locali di tutto il mondo. Nel cast figurano personaggi reali (non attori) nei loro luoghi di lavoro e nelle loro case - tra i quali, un vigile del fuoco, un poliziotto, un insegnante, un elettricista, un medico e un volontario, così come il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner