Domenica, 24 Maggio 2015
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

A un mese alla Giornata internazionale della pace, riflettori puntati sul valore dell'istruzione

Education for Peace

Tra un mese esatto, il 21 settembre, ricorre la Giornata internazionale della pace: un’occasione per fermarsi e riflettere insieme su come possiamo spezzare il circolo vizioso della violenza generata dai conflitti. Istituita nel 1981 e osservata per la prima volta l’anno successivo, dal 2001 la Giornata internazionale della pace viene celebrata anche con 24 ore di cessate il fuoco e sospensione delle ostilità.

Il tema per il 2013 è “Istruzione per la pace”. Come ha sottolineato Ban Ki-moon nel suo messaggio del 13 giugno, in occasione dell’inizio del countdown di 100 giorni fino alla Giornata di quest’anno, “non è sufficiente insegnare ai bambini a leggere, scrivere e contare. L’istruzione deve coltivare il mutuo rispetto per gli altri e per il mondo in cui viviamo”. Affinché ciò sia possibile, insegnanti e studenti devono essere protetti dai conflitti. Altrettanto importanti sono la ricostruzione delle scuole bombardate e distrutte, il sostegno ai programmi scolastici che promuovono la pace e insegnano a prevenire e gestire i conflitti e l’agevolazione dell’accesso all’istruzione: per questi e altri obiettivi si sta adoperando il Segretario Generale con la sua iniziativa “Global Education First”.

Nel corso dei prossimi trenta giorni, prepariamoci a celebrare questa Giornata con attività educative e di sensibilizzazione, a livello tanto locale quanto internazionale.

 

Per saperne di più, clicca qui.

 

UN Secretary-General Ban Ki-moon's message for Expo Milano 2015

Ecco videomessaggio del Segretario Generale in occasione dell'inaugurazione di Expo 2015 Milano

 

Faces - United nation Free & Equal

Il video della campagna ONU Free & Equal per celebrare il contributo di milioni di lesbiche, gay, bisessuali e transgender per le famiglie e le comunità locali di tutto il mondo. Nel cast figurano personaggi reali (non attori) nei loro luoghi di lavoro e nelle loro case - tra i quali, un vigile del fuoco, un poliziotto, un insegnante, un elettricista, un medico e un volontario, così come il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner