Giovedì, 24 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Giornata Mondiale dell'Ambiente: verso un mondo in cui la fame sia solo un ricordo (5 giugno 2013)

 

wed1

Viviamo in un mondo di abbondanza, dove la produzione alimentare supera la domanda, eppure 870 milioni di persone soffrono ancora di denutrizione e rachitismo infantile: è una pandemia silenziosa, un’ingiustizia a cui abbiamo il dovere di porre rimedio.

Nel suo messaggio in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il Segretario-Generale delle Nazioni Unite ha identificato nello spreco alimentare uno dei punti deboli della filiera moderna. Un terzo del cibo prodotto non riesce infatti ad arrivare dal produttore alla nostra tavola: si tratta non solo di un affronto agli affamati, ma anche di un’enorme perdita in termini di terra, energia e risorse idriche.

Proprio il ridimensionamento degli sprechi è uno degli obiettivi della campagna “Think.Eat.Save: Riduci la tua impronta alimentare”, lanciata dal Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente e dalla FAO in collaborazione con diversi partner pubblici e privati. Le soluzioni prospettate – soluzioni che, per essere efficaci, devono potersi adattare tanto ai paesi sviluppati quanto a quelli in via di sviluppo – comprendono interventi sulle infrastrutture e sulle tecnologie per la conservazione del cibo, la promozione degli scambi commerciali, il sostegno al commercio equo, il miglioramento dei sistemi di etichettatura e la revisione dei criteri di scarto delle materie prime. I consumatori, da parte loro, possono minimizzare gli sprechi acquistando solo ciò di cui hanno bisogno e riutilizzando gli avanzi.

Ban Ki-moon si è rivolto a tutti gli attori della filiera globale, invitandoli a impegnarsi per rendere il sistema alimentare socialmente equo e sostenibile a livello ambientale. Riducendo gli sprechi è possibile risparmiare soldi e risorse, ridurre drasticamente l’impatto ambientale e, soprattutto, costruire un mondo in cui tutti hanno cibo a sufficienza: la popolazione mondiale non può che aumentare, ma il numero di persone che soffrono la fame non può e non deve farlo.

 

Per saperne di più, clicca qui.

 

Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner