Lunedì, 24 Novembre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il rapporto dell’ILO boccia l’Italia: disoccupazione, precariato e disparità economiche

 

ilologo

 

È una fotografia preoccupante quella che emerge dall’ultimo rapporto annuale dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), agenzia specializzata delle Nazioni Unite che si occupa di diritti dei lavoratori, protezione sociale e occupazione: nonostante i deboli segnali di ripresa dalla crisi finanziaria, la disoccupazione – un fenomeno che attualmente interessa il 6% della forza lavoro mondiale, ovvero circa 201,5 milioni di persone – continuerà a crescere fino al 2015, raggiungendo un picco di 208 milioni di disoccupati.

L’Italia, come molte altre economie avanzate, è nell’occhio del ciclone: la disoccupazione giovanile è cresciuta di quindici punti percentuali nell’ultimo semestre del 2012, raggiungendo il 35,2%. In altre parole, un italiano su tre tra i 15 e i 24 anni non ha lavoro. Come se non bastasse, mancano ancora 1,7 milioni di posti di lavoro per tornare ai livelli di occupazione pre-crisi e le disparità di reddito si stanno inasprendo. Ciò comporta una contrazione della classe media che, a sua volta, rallenta la ripresa economica, in quanto la mancanza di una base di consumatori scoraggia gli investimenti a lungo termine da parte delle imprese: in altre parole, un circolo vizioso.

Il rapporto boccia anche la riforma Fornero, colpevole di aver fatto aumentare il precariato, e invita il Ministro Giovannini alla cautela con la sua “staffetta intergenerazionale". I mezzi per incentivare l’occupazione giovanile sono altri, primi tra tutti gli incentivi statali e gli sgravi fiscali per chi assume le fasce più svantaggiate della forza lavoro.

Secondo l’ILO, la strada per uscire dalla crisi passa da investimenti e innovazione, prendendo spunto ad esempio da Cile e Colombia: i due stati sudamericani hanno infatti registrato una solida crescita economica e una diminuzione della disoccupazione, grazie anche a una serie di iniziative mirate.

Mario Draghi, da Shangai, riconosce le prospettive tutt’altro che rosee dell’economia dell’Eurozona, ma assicura una graduale ripresa nella seconda metà dell’anno dovuta all’aumento delle esportazioni. Ora sta ai singoli governi trovare una soluzione alle inefficienze che esistono tuttora nel sistema macroeconomico e finanziario.

 

Per saperne di più, clicca qui.

In questa Giornata Internazionale per la Tolleranza ,16 Novembre 2014, il Progetto '7 Miliardi di Altri' vi propone il video seguente.

Video della settimana

Ecco il video presentato da "Momentum for Change" su iniziativa dell' UNEP intitolato "Climate Heroes: Stories of Change".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner