Mercoledì, 23 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Giornata internazionale contro l’Omofobia (17 maggio 2013)

omofobia

L’omosessualità è considerata un reato in ben settantasei paesi al mondo, e come tale è punita con la prigione, i lavori forzati e, in cinque paesi, addirittura con la pena di morte.

Pratiche discriminatorie e assenza di riconoscimento legale sono, invece, ricorrenti anche in quei paesi nei quali l’omosessualità non è formalmente criminalizzata.

 

Come risultato, ancora oggi, lesbiche, omosessuali, bisessuali e transgender (la comunità LGBT) sono vittime violenze e discriminazioni in molte parti del mondo. Un mondo che pertanto, come sottolineato dal Segretario-Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon è ancora lontano dall’essere davvero libero ed equo.

 

Sappiamo tutti che l’uguaglianza, la libertà e la dignità della persona sono diritti universali e inalienabili e, come tali, devono essere garantiti e rispettati: ogni essere umano deve poter godere di tali diritti, a prescindere dal proprio orientamento sessuale e dalla propria identità di genere.

 

Per questo motivo, la lotta contro l’omofobia ci accomuna tutti essendo parte integrante della più estesa battaglia in favore della protezione e promozione dei diritti umani. Una Battaglia combattuta affinchè ogni persona sia trattata con un’eguale misura di rispetto dignità.

 

 In occasione di questa importante Giornata internazionale, Ban Ki-moon ha voluto riaffermare il proprio profondo impegno personale nella lotta all’omofobia e alla transfobia, rinnovando, inoltre, la propria ferma condanna nei confronti tutti i crimini aventi come matrice l’odio verso la comunità LGBT.

 

Come Ban ha voluto ricordare, solo lottando insieme, per garantire una protezione effettiva dei diritti, possiamo trasformare il “mondo in un arcobaleno colorato, un arcobaleno vibrante dei colori della diversità, nel quale ognuno possa essere libero ed eguale”.

 

Per saperne di più clicca qui

Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner