Sabato, 26 Luglio 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Rapporto INCB 2012:"E’ importante condividere le responsabilità nella riduzione delle sofferenze causate dalle sostanze stupefacenti", 05 marzo 2013

drug

Nuove sostanze psicoattive , conosciute come ‘sballo legale’, sono una crescente minaccia alla salute pubblica, afferma lo INCB (International Narcotics Control Board) nel suo Rapporto annuale per il 2012, presentato oggi a Londra.

 Queste nuove sostanze psicoattive sono facilmente reperibili sulla rete e il loro numero totale sul mercato, già stimato nell’ordine delle centinaia, sta crescendo rapidamente. INCB chiama all’azione gli Stati per prevenire produzione, traffico e abuso di queste sostanze, che rappresentano un rischio per la salute pubblica. Il Presidente dell’INCB, Raymond Yans, ha affermato che “In anni recenti si è registrato un aumento vertiginoso dell’abuso di sostanze psicoattive. In Europa viene immessa nel mercato una nuova droga a settimana. Gli Stati devono immediatamente prendere provvedimenti per fronteggiare l’abuso di queste sostanze cosi dette di ‘sballo legale’, che già minacciano la salute pubblica e rappresentano una sfida significativa per i sistemi di salute pubblica nazionali.”

Abusi di farmaci prescritti: serie minacce alla salute e alla società per molte nazioni

Il funzionario ha aggiunto  che desta particolare preoccupazione l’incremento nei già alti livelli di consumo dei farmaci prescritti per il trattamento dei disordini dell’attenzione o dell’iper-attivismo. Fonte di inquietudine è l’abuso di prescrizioni di farmaci da iniettare, che aumenta il livello del rischio di contrarre HIV, epatite B – C. Un altro problema è costituito dall‘abuso di tranquillanti  e sedativi. Yans avverte “ Più del 6% degli studenti nella scuola secondaria hanno abusato di tranquillanti.” L’INCB risponde a questo rischio nel suo rapporto raccomandando una serie di possibili soluzioni, compresi la formazione degli operatori sanitari, controlli più serrati su stoccaggio e distribuzione, campagne di sensibilizzazione.

Occorre poi dare attuazione alle convenzioni sul controllo della droga per prevenire sofferenze relative all’abuso che di essa si fa. “I trattati internazionali sono i migliori strumenti possibili per la questione mondiale del problema della droga, e per proteggere la sofferenza causata dalla droga, e le sue conseguenze, quali criminalità e violenza , derivate dalla produzione e la coltivazione di droga.” Afferma Yans. La comunità internazionale deve inoltre essere attiva nella lotta al traffico e alla distribuzione delle sostanze. Il rapporto descrive come le organizzazioni criminali riescono a evadere i controlli attraverso lo spostamento delle produzioni illecite in paesi dove i controlli sono più labili.

L’area deputata alla coltivazione illegale di coca è lievemente diminuita in Sud America, mentre l’America centrale ed i Caraibi continuano ad essere usati come area di transito per il traffico di cocaina dal sud al nord america. Gli effetti destabilizzanti del traffico di droga sulla sicurezza regionale continuano a minacciare seriamente la pubblica sicurezza in Messico.

Il Nord America rimane il maggiore mercato per lo smercio illegale di droga al mondo nonché la regione col più alto tasso di mortalità relativa all’uso di droghe.

In Europa, negli ultimi anni, la situazione si è stabilizzata,seppure assestandosi su alti livelli.

Est e Sud-est Asia continuano a essere il secondo paese coltivatore mondiale di oppio mentre la domanda di meta-anfetamine ed altre sostanze illegali continua a crescere in Asia occidentale

Il livello di abuso di stimolatori sintetici come le meta-anfetamine, resta in Oceania fra i più elevati al mondo.

 

 

 

Video della settimana 

In occasione della Giornata mondiale dell'ambiente, il Centro di Informazione Regionale delle Nazioni Unite per l’Europa Occidentale, in collaborazione con Fabrica,  vi presenta il video degli studenti della Designschule di Monaco di Baviera, prodotto per contribuire alla promozione della protezione dell'ambiente.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale per le vittime di tortura, vi presentiamo questo video della campagna #TortureFreeWorld organizzata da Anti-Torture Initiative in collaborazione con Juan E. Méndez, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner