Domenica, 26 Ottobre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

L’Assemblea Generale nomina Haya Rashed Al Khalifa del Bahrain nuovo Presidente della sua 61a sessione UNRIC/IT/712/06 Bruxelles, venerdì 9 giugno 2006

L’Assemblea Generale ha eletto ieri per acclamazione Haya Rashed Al Khalifa del Bahrain nuovo Presidente della sessantunesima sessione dell’Assemblea, che aprirà i suoi lavori il 12 settembre prossimo. Sono stati inoltre eletti, durante incontri separati sempre nella giornata di ieri, i Presidenti e gli altri rappresentanti del Secondo, Terzo, Quarto e Sesto Comitato dell’Assemblea.
 
Dopo la sua nomina, il Presidente Al Khalifa ha dichiarato che continuerà a percorrere la strada seguita dai suoi predecessori. In particolare ha fatto riferimento ai grandi sforzi dell’attuale Presidente Jan Eliasson, nel portare avanti la riforma delle Nazioni Unite e i suoi successi sul fronte della pace e della sicurezza internazionale e dei diritti umani. Ha reso inoltre omaggio al Segretario Generale Kofi Annan, sottolineandone il continuo lavoro con gli Stati Membri nella lotta contro la paura, l’indigenza e le malattie e nel creare le basi per una riforma dell’Organizzazione. 
 
Tra i maggiori successi della sessantesima sessione, il nuovo Presidente ha ricordato la creazione della Commissione per il Peacebuilding, del Consiglio per i Diritti Umani e il rafforzamento del fondo d’emergenza CERF, dichiarando imperativo identificare a questo punto le carenze e sviluppare un sistema basato su un multilateralismo efficace che possa portare con sé risultati tangibili e servire agli interessi comuni in ottemperanza della Carta delle Nazioni Unite. L’Organizzazione ha avuto infatti bisogno dei continui sforzi dei Paesi Membri per rivitalizzare i suoi organismi principali e la riforma delle Nazioni Unite era secondo il nuovo Presidente, di vitale importanza per affrontare le nuove sfide globali.    
 
“Ciò che mi ispira è un profondo senso di dolore per le tragedie del mondo, sul fronte umano e sul fronte ambientale”, ha dichiarato il nuovo Presidente, facendo riferimento da un lato ai conflitti politici, alle guerre, al terrorismo, alla povertà e alla malnutrizione e dall’altro all’inquinamento, al surriscaldamento globale, allo sfruttamento eccessivo delle risorse umane e all’estinzione delle specie viventi.
 
“Il futuro delle generazione future dipenderà dal modo nel quale affronteremo i problemi del presente. Siamo consapevoli che milioni di persone vivono nella fame, nella malattia, nell’analfabetismo, nella guerra e nella fuga, sia internamente, sia internazionalmente; non dobbiamo perdere la speranza perchè credo che la speranza più forte possa nascere dalle circostanze più difficili” ha dichiarato a conclusione del suo intervento.
 
Haya Rashed Al Khalifa è stata ambasciatrice del Bahrain in Francia e delegata permanente all’UNESCO dal 2000 al 2004. Durante tutta la sua carriera professionale è stata fautrice dei diritti delle donne nel suo paese e nel sistema giudiziario. Haya Rashed Al Khalifa è la terza donna eletta a Presidente dell’Assemblea Generale. 
 
Il Presidente dell’Assemblea Generale Jan Eliasson ha reso omaggio al suo successore definendo la nomina di Haya Rashed Al Khalifa come un contributo prezioso al raggiungimento delle pari opportunità nell’Organizzazione delle Nazioni Unite.



* *** *


Giornata delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale Ban Ki-moon in occasione della Giornata delle Nazioni Unite 2014.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner