Mercoledì, 23 Aprile 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Conferenza Doha, Qatar: il Segretario Generale Ban Ki-moon chiede con urgenza ai governi di tutto il mondo di aumentare gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico, 5 dicembre 2012

 12-04-2012banclimate

All’apertura dei lavori della diciottesima Conferenza dei Paesi aderenti alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, tenutasi a Doha, in Qatar, il Segretario Generale ha fatto appello ai governi di tutto il mondo affinché agiscano attivamente per fermare la crisi crescente del cambiamento climatico.

“Non illudiamoci, questa crisi rappresenta una minaccia concreta per le nostre economie, la nostra sicurezza e quella dei nostri figli”, ha detto Ban Ki-moon.

La Conferenza, della durata di due settimane, riunisce i 195 Stati firmatari della Convenzione ONU del 1992, che precedette il Protocollo di Kyoto del 1997, con cui gli Stati parte si sono legalmente vincolati a limitare le loro emissioni di gas serra. Lo scopo della Conferenza di Doha di quest’anno è proprio quello di tentare di estendere gli impegni previsti dal Protocollo di Kyoto, dato che il primo periodo d’impegno termina proprio nel 2012.

A tale proposito, Ban Ki-moon ha affermato: “Il Protocollo di Kyoto rimane il principale accordo globale vincolante sul cambiamento climatico. Il suo proseguimento dal1 gennaio 2013 dimostrerà che i governi mantengono fede al loro impegno verso un regime climatico più solido”. Nelle aspettative del Segretario Generale c’è anche quella di vedere dei progressi concreti nell’elaborazione a lungo termine di politiche finanziarie che considerino il cambiamento climatico e assicurino che le istituzioni formate a Cancun e a Durban per il sostegno ai Paesi in via di sviluppo nell’azione di riduzione delle emissioni siano veramente  dotate di tutti gli strumenti necessari ed efficaci.

Di recente, studi delle Nazioni Unite hanno accentuato l’urgenza di mantenere il valore medio dell’aumento delle temperature globali a un livello internazionale di due gradi centigradi. Andare oltre questo valore potrebbe certamente produrre gravi effetti negativi sul clima e l’ambiente.

Parlando ai giornalisti a Doha, Ban Ki-moon ha detto: “Possiamo raggiungere questi obiettivi, ma stiamo anche lottando contro il tempo, che non è certamente dalla nostra parte. Se agiamo uniti con degli obiettivi chiari, allora possiamo affrontare questa sfida. Ma solo se veramente rimaniamo uniti, altrimenti rischiamo di fallire”.

 

Per saperne di più clicca qui.

 

Video della settimana 

Profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza nella Repubblica Centrafricana , il Consiglio di Sicurezza ha approvato un'operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite per proteggere i civili e facilitare l'accesso umanitario nel paese.

Video della settimana 

In occasione della Giornata internazionale della Madre Terra, il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale, in collaborazione con la  Fondazione Goodplanet,  vi presenta il  progetto “7miliardi di altri”, dei video-messaggi per comunicare paure, sogni, sfide e speranze dei cittadini di tutto il mondo.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner