Venerdì, 24 Ottobre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Messaggio del Segretario Generale in occasione della Giornata Internazionale dei Peacekeepers delle Nazioni Unite, 29 maggio 2012

PK dayLa Giornata Internazionale dei Peacekeepers delle Nazioni Unite è l'occasione per rendere omaggio ai 120.000 caschi blu in servizio in diciassette missioni in alcuni dei luoghi più instabili e pericolosi al mondo.

Questo giorno è anche il momento per piangere i peacekeepers caduti. Nel 2011, 112 uomini e donne sono morti dedicando la loro vita alla pace. Nei primi quattro mesi di quest'anno, altri 27 peacekeepers sono morti per servire le Nazioni Unite.

Oggi onoriamo la memoria degli oltre 2.900 caschi blu che hanno perso la vita adempiendo le loro funzioni nel corso degli anni, e ci impegniamo a portare avanti il loro lavoro per raggiungere la stabilità nei paesi devastati dalla guerra.

I peacekeepers caduti provenienti da truppe di paesi diversi che contribuiscono [alle missioni ONU] sono un ricordo struggente della partnership globale che è alla base del peacekeeping delle Nazioni Unite.

Attualmente, 116 Stati Membri contribuiscono con personale militare e di polizia alle nostre operazioni. Questo numero impressionante rispecchia la crescente fiducia globale nel valore del peacekeeping delle Nazioni Unite come strumento per la sicurezza collettiva. La nostra nuova missione di osservatori in Siria è l'ultimo esempio che dimostra come la comunità internazionale si affidi alle Nazioni Unite per trovare soluzioni alle sfide emergenti. La missione si trova ad affrontare sfide difficili, ma serve coraggio per aiutare a sostenere le parti, a cominciare dal governo della Siria, ai loro impegni per far cessare la violenza che ha ucciso migliaia di persone. Questo fa parte dei più grandi sforzi delle Nazioni Unite guidati dall'Inviato Speciale Congiunto [Kofi Annan] per porre fine alla violenza e cercare una soluzione politica alla crisi siriana.

L'obiettivo finale di ogni missione di peacekeeping delle Nazioni Unite è quello di non essere più necessaria. Fino a quando non avremo raggiunto questo obiettivo, faremo ogni sforzo affinché il peacekeeping sia il più efficace ed efficiente possibile.

Sono profondamente grato per ogni contributo dato dalle truppe e dalla polizia, e per le risorse finanziarie e materiali che hanno reso possibile il peacekeeping. Voglio anche ringraziare tutti i paesi che hanno fornito supporto politico e leadership. In particolare, i membri del Consiglio di Sicurezza che guidano e consolidano il nostro lavoro fissando i mandati e aggiornando i nostri spiegamenti [delle truppe] per rispondere alle mutevoli condizioni sul campo.

Le organizzazioni regionali giocano un ruolo sempre più importante. L'Unione Africana e le Nazioni Unite, per esempio, stanno lavorando a stretto contatto in Darfur e Somalia, mentre affrontano insieme la minaccia attuata dai ribelli della Lord’s Resistance Army. Queste collaborazioni aiutano a dare al peacekeeping delle Nazioni Unite la flessibilità che necessita per affrontare le varie sfide di oggi in materia di pace internazionale e sicurezza.

In questa Giornata Internazionale dei Peacekeepers delle Nazioni Unite, ricordiamo il sacrificio di coloro che hanno prestato servizio [come peacekeepers], ed impegniamoci a rafforzare la collaborazione globale perché i nostri caschi blu siano un segnale di speranza per milioni di persone nel mondo.

Per saperne di più, clicca qui.

Giornata delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale Ban Ki-moon in occasione della Giornata delle Nazioni Unite 2014.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner