Giovedì, 23 Ottobre 2014
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Messaggio del Segretario Generale in occasione del 60° Anniversario del Peacekeeping ONU

 

Messaggio del Segretario Generale in occasione del 60° Anniversario del Peacekeeping ONU
(29 MAGGIO 2008)

Quest’anno, la Giornata mondiale che celebra le forze di pace ONU segna anche il 60° Anniversario delle operazioni di pace. Sessant’anni fa, oggi, il Consiglio di Sicurezza stabiliva la nostra prima missione di pace. La maggior parte del personale proveniva da un piccolo gruppo di Stati europei e americani e comprendeva fondamentalmente militari disarmati incaricati dell’osservazione e monitoraggio del cessate il fuoco.

Da allora, le operazioni di pace sono diventate il punto di forza della nostra organizzazione. Oggi abbiamo più di 110.000 donne e uomini impiegati in aree di conflitto ovunque nel mondo. Essi provengono da quasi 120 paesi, un record assoluto, che riflette la fiducia nel peacekeeping delle Nazioni Unite. Vengono da nazioni piccole e grandi, ricche e povere, alcune delle quali recentemente colpite esse stesse da conflitti. Apportano nel loro lavoro differenti culture ed esperienze ma sono nel contempo uniti nella loro determinazione a promuovere la pace. Alcuni di loro indossano un uniforme ma molti altri sono civili e le loro attività si estendono ben oltre il monitoraggio.

Le forze di pace addestrano la polizia, disarmano ex combattenti, sostengono processi elettorali e contribuiscono a creare istituzioni statali. Costruiscono ponti, riparano scuole, assistono le vittime delle inondazioni e proteggono le donne dalla violenza sessuale, sostenendo i diritti umani e promuovendo la parità di genere. Grazie al loro sforzo, è possibile prestare assistenza umanitaria ed avviare processi di sviluppo economico.

Lo scorso anno ho visitato le forze di pace in Africa, Asia, Medio Oriente e nei Caraibi. Ho visto rifugiati rientrare nelle loro case, bambini tornare a scuola, cittadini di nuovo protetti dallo stato di diritto. Ho visto intere società passare dalla devastazione alla rinascita, grazie all’aiuto delle forze di pace. A Haiti, in Liberia e nella Repubblica Democratica del Congo, i caschi blu hanno creato le premesse per consolidare una pace altrimenti ancora fragile.  

Non potremmo portare a termini i nostri obiettivi senza la collaborazione delle organizzazioni regionali. L’Unione Africana e le Nazioni Unite stanno dispiegando la prima forza ibrida in Darfur. Collaboriamo inoltre con l’Unione Europea in Chad e nella Repubblica Centrafricana. Più della metà degli Stati Membri contribuiscono al mantenimento della pace con truppe e forze di polizia; sotto questo aspetto, Pakistan, India, Bangladesh, Nigeria e Nepal sono i maggiori contribuenti. Insieme, questi paesi del sud del mondo rappresentano quasi la metà delle forze di pace ONU.

Il 60° Anniversario del Peacekeeping è un’occasione per celebrare, ma anche per onorare la memoria dei nostri colleghi scomparsi. Nel corso di questi ultimi sessant’anni, più di 2.400 uomini sono morti servendo la causa della pace, 87 dei quali nel 2007. Ognuno di essi è un eroe. Oggi prendiamo l’impegno a garantire che i loro sacrifici non siano mai dimenticati e il fondamentale lavoro dei caschi blu continui fino a quando sia necessario.


Per ulteriori informazioni: http://www.unis.vienna.org/unis/pressrels/2008/unissgsm046.html

 

Giornata delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale Ban Ki-moon in occasione della Giornata delle Nazioni Unite 2014.

Video della settimana

L'ONU porterà la visione di un mondo libero dalla fame a Expo Milano 2015, attraverso la "Zero Hunger Challenge", dimostrando ai visitatori come sia possibile sconfiggere la fame nel corso della nostra vita, come questo può essere raggiunto solo se lavoriamo insieme e come possono e devono essere parte della soluzione. Ecco il video.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner