Le Nazioni Unite nelle nostre vite quotidiane

Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e sullo Sviluppo

UNCTAD

United Nations Conference on Trade and Development (UNCTAD)
Palais des Nations
1211 Geneva 10
Svizzera
Tel.: (0041-22) 907-1234
Indirizzo Internet: http://www.unctad.org/

 

Sapevate che…

  • Nel complesso, l’economia mondiale sta crescendo troppo lentamente per generare un sufficiente numero di posti di lavoro che abbiano salari adeguati, o per ridurre la povertà.

  • Il divario fra le nazioni sviluppate e quelle in via di sviluppo si sta allargando costantemente.

  • Si sta diffondendo una sempre maggiore insicurezza del posto di lavoro e di reddito.

  • L’agricoltura e l’attività economica più importante nei Paesi meno sviluppati. Venti anni dopo la Rivoluzione Verde, però, solo pochi tra essi hanno migliorato la propria produttività agricola.

  • In un tempo di prosperità record, pressappoco metà delle nazioni meno sviluppate hanno meno da mangiare di quanto ne avessero 10 anni orsono.

 

L’UNCTAD nelle nostre vite quotidiane

 

In poche ore

Emma Kalicki vive a Windhoek, in Namibia. Importa abiti dalla Germania per venderli sul posto. Nel passato, all’aeroporto, mentre cercava di ritirare i suoi beni dalle dogane, sarebbe di norma rimasta invischiata in un labirinto procedure burocratiche e malfunzionamenti, in un processo che avrebbe potuto richiedere settimane. Oggi, invece, grazie al Sistema Automatizzato per i Dati delle Dogane (ASYCUDA), un pacchetto software progettato dall’UNCTAD, i suoi beni vengono seguiti elettronicamente utilizzando procedure doganali modernizzate dalle quali traggono al tempo stesso vantaggio i commercianti, chi si occupa di affari e i funzionari delle dogane. In questo modo Emma recupererà i suoi beni in poche ore.

Mediante ASYCUDA, le procedure doganali sono state migliorate in più di 70 nazioni, diminuendo così gli errori e le frodi amministrative e migliorando l’esazione dei diritti statali.

 

Bloccato, circondato da terre… ora non più

Il proprietario di una piccola società di import/export che commercia in grano e altri generi alimentari ubicata nella capitale della Mongolia, Ulan Bator, vedrà presto aumentare il suo giro d’affari e le sue operazioni diventare più profittevoli, in conseguenza dell’Accordo per il Trasporto in Transito tra Cina, Russia e Mongolia concluso con la mediazione dell’UNCTAD nel maggio del 1997.

Questo Memorandum contiene importanti impegni intesi a completare l’Autostrada Asiatica, unendo completamente la Mongolia con le città della Russia e della Cina per il tramite di questa via di comunicazione. Inoltre, i tre Paesi costruiranno una nuova linea ferroviaria che collegherà la capitale mongola alla Stazione Rashaant attraversando il confine della Cina. Per gli imprenditori, la realizzazione di questo piano di transito significherà non soltanto un’esecuzione più rapida dei propri ordini, ma un minor tempo impiegato in viaggi d’affari nella regione.

L’UNCTAD cerca di migliorare i sistemi di trasporto per tutte le 29 nazioni senza sbocchi sul mare che si trovano in Africa, Asia e America Latina.

 

Commerciare con il mondo… da Cuzco, Surbaya o Sfax

I proprietari di piccole imprese attive in numerose nazioni in via di sviluppo che in precedenza non erano in grado di trovare dei partner commerciali all’estero, e che avevano un accesso limitato alle informazioni e al credito commerciale, oggi impiegano il Punto Commerciale creato dall’UNCTAD come porta d’ingresso al mercato globale. Mediante informazioni commerciali computerizzate, piccoli commercianti in precedenza isolati divengono così parte di una rete commerciale globale. Essi vengono assistiti nello stipulare mutui bancari, contattare assicuratori e compagnie di trasporti e ottengono aiuto per compilare i formulari doganali. Una società di Cuzco, in Perù, che produce maglioni in lana d’alpaca; un’altra a Surbaya, in Indonesia, che realizza mobili in teak; e una terza a Sfax, in Tunisia, che fabbrica tappeti, sono così in grado di utilizzare i loro Punti Commerciali locali per consegnare i propri beni ad aziende commerciali che li esportano verso l’Europa, gli Stati Uniti e in altri mercati.

Attraverso la sua Rete Globale di Punti Commerciali, l’UNCTAD consente di commerciare ad imprese di piccole e medie dimensioni, dando loro accesso, a un costo ragionevole, a informazioni di mercato e a servizi di supporto al commercio.

 

L’UNCTAD in breve

 

  • Creata nel 1964 come organismo permanente intergovernativo, l’UNCTAD è il principale organo dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite operante nel settore del commercio e dello sviluppo.

  • I suoi principali obiettivi sono di massimizzare il commercio e le opportunità di sviluppo dei Paesi in via di sviluppo e di assisterli nell’affrontare le sfide che derivano dalla globalizzazione, integrando queste nazioni nell’economia mondiale su delle basi più eque. L’UNCTAD persegue questi obiettivi svolgendo ricerche e analisi politiche, e favorendo deliberazioni intergovernative e attività di cooperazione tecnica.

  • Attualmente, sono membri dell’UNCTAD 188 Stati. Numerose organizzazioni intergovernative e non governative, come pure rappresentanti della società civile, partecipano invece ai suoi lavori in qualità di osservatori.

 

[Indietro] [Indice] [Avanti]