L'ONU per la pace

Il principale obiettivo delle Nazioni Unite consiste nel mantenere la pace mondiale. Secondo quanto previsto dallo Statuto, gli Stati Membri convengono di risolvere le proprie controversie con mezzi pacifici e di evitare di minacciare altri Stati o di usare la forza contro di loro.

Nel corso degli anni, l’ONU ha giocato un ruolo di primo piano nel contribuire a raffreddare le crisi internazionali e nel porre termine a conflitti di lunga durata. Le Nazioni Unite hanno organizzato e diretto complesse operazioni volte a creare le condizioni per il mantenimento della pace ed a gestire l’assistenza umanitaria. Hanno lavorato per evitare che i conflitti sfociassero in guerre aperte. E nelle situazioni post-belliche hanno sempre più frequentemente assunto iniziative coordinate per affrontare le cause che sono alle origini della violenza e gettare le fondamenta di una pace duratura.

L'ONU fornisce i mezzi per risolvere pacificamente le controversie fra Stati, oggi come nel 1962, quando il Consiglio di Sicurezza discusse la crisi dei missili a Cuba.

 

In questo, gli sforzi dell’ONU hanno prodotto risultati impressionanti. Le Nazioni Unite hanno contribuito a risolvere la crisi dei missili cubani del 1962 e la crisi mediorientale del 1973. Nel 1988, un accordo di pace patrocinato dall’ONU ha posto fine alla guerra fra Iran e Iraq, mentre l’anno successivo trattative patrocinate dall’ONU hanno portato al ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan. Negli anni ’90 le Nazioni Unite sono state protagoniste nel ristabilire la sovranità del Kuwait; esse hanno svolto un ruolo importante nel far cessare le guerre civili in Cambogia, El Salvador, Guatemala e Mozambico e risolvendo o riducendo la portata dei conflitti in numerose altre nazioni.

Quando, nel settembre 1999, una campagna di violenza costrinse 200.000 abitanti di Timor Est ad abbandonare le proprie abitazioni a seguito di un voto per l’autodeterminazione del Paese, l’ONU autorizzò l’invio di una forza di sicurezza internazionale, che contribuì al ristabilimento dell’ordine. Successivamente, un’Amministrazione Transitoria delle Nazioni Unite ha monitorato la transizione del territorio all’indipendenza, avvenuta il 20 maggio 2002 a Timor Est. E quando, l’11 settembre, i terroristi attaccarono gli Stati Uniti, il Consiglio di Sicurezza agì rapidamente – adottando una risoluzione a largo raggio che obbligava gli Stati a garantire che qualsiasi persona che avesse partecipato al finanziamento, alla pianificazione, alla preparazione, all’attuazione o avesse sostenuto gli atti terroristici, venisse assicurata alla giustizia.




Disarmo

Pacificazione

Costruzione della pace

Mantenimento della pace

L'ATTIVITÀ DELL'ONU PER LA PACE

... in Africa

... in Asia e nel Pacifico

... in Europa

... nelle Americhe

... nel Medio Oriente


Torna all'indice Onu in breve