L'ONU per la pace

Mantenimento della pace

Il Consiglio di Sicurezza decide le operazioni ONU per il mantenimento della pace e definisce loro estensione e mandato negli sforzi per mantenere la pace e la sicurezza internazionale. La maggior parte delle operazioni comportano degli obblighi militari: verificare il rispetto di un cessate il fuoco, ad esempio, o creare una zona cuscinetto mentre i negoziatori cercano di trovare una soluzione a lungo termine. Altre operazioni possono invece richiedere l’impiego di forze di polizia o il coinvolgimento di civili che aiutino a organizzare le elezioni o a controllare il rispetto dei diritti umani. Altre ancora sono state predisposte per verificare gli accordi di pace, in collaborazione con le forze di mantenimento della pace di organizzazioni regionali.

Gli operatori di pace dell’ONU vanno dove c’è
bisogno di loro, malgrado i rischi.

Le operazioni per il mantenimento della pace possono avere una durata che va da pochi mesi a molti decenni. L’operazione dell’ONU sulla linea del cessate il fuoco fra India e Pakistan nello Stato del Jammu e del Cashmire, ad esempio, ha avuto inizio nel 1949, e gli operatori di pace sono a Cipro dal 1964. Per contro, nel 1994 l’ONU ha potuto concludere la sua missione nella striscia di Aouzou, fra Libia e Ciad, in poco più di un mese.

Dal primo dispiegamento degli operatori di pace dell’ONU avvenuto nel 1948, circa 130 Paesi hanno contribuito volontariamente con più di 1 milione di soldati, ufficiali di polizia e civili. Essi hanno prestato servizio, assieme a migliaia di civili, in circa 60 operazioni di mantenimento della pace. Dal febbraio del 2005, 103 Paesi hanno contribuito con circa 67.000 operatori in divisa – una cifra record.



COSA FA L'ONU PER LA PACE

Disarmo

Pacificazione

Costruzione della pace

L'ATTIVITÀ DELL'ONU PER LA PACE

... in Africa

... in Asia e nel Pacifico

... in Europa

... nelle Americhe

... nel Medio Oriente