Dichiarazione di Vienna e Programma d'Azione


F. Dar seguito alla Conferenza Mondiale sui Diritti Umani

99. La Conferenza Mondiale sui Diritti Umani raccomanda che l'Assemblea Generale, la Commissione sui Diritti Umani, altri organismi e agenzie del sistema delle Nazioni Unite relative al settore dei diritti umani pensino seriamente ai metodi e ai mezzi per la piena attuazione, senza dilazione, delle raccomandazioni contenute nella presente Dichiarazione, inclusa la possibilità di proclamare un decennio delle Nazioni Unite per i diritti umani. La Conferenza Mondiale sui Diritti Umani, inoltre, raccomanda che la Commissione sui Diritti Umani verifichi annualmente il progresso in relazione a questo fine.

100. La Conferenza Mondiale sui Diritti Umani richiede al Segretario Generale dell'ONU di invitare, in occasione del 50° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, tutti gli Stati, gli organi e le agenzie del sistema delle NU che si occupano di diritti umani, a riferire sui progressi fatti nell'applicazione della presente Dichiarazione, e di sottoporre un rapporto all'Assemblea Generale nella sua 53a sessione [1998] attraverso la Commissione sui diritti umani e il Consiglio economico e sociale. Similmente, le istituzioni nazionali e regionali sui diritti umani e le ONG possono presentare il proprio punto di vista al Segretario Generale sui progressi fatti nell'applicazione della presente Dichiarazione. Dovrebbe essere prestata maggiore attenzione nel verificare i progressi compiuti nella ratifica universale dei trattati internazionali e dei protocolli sui diritti umani adottati nel sistema delle Nazioni Unite.

Indietro
Avanti
Indice Conferenza di Vienna