CONFERENZA INTERNAZIONALE SUI

FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO

Monterrey, Messico

18-22 marzo 2002

 

"A meno che non si riesca a mobilitare maggiori  risorse, sia in investimenti pubblici che privati, i nostri piani per eliminare la povertà e per accelerare lo sviluppo verranno vanificati."

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite

Kofi Annan

Maggio 2001

 

Nazioni Unite

Nel marzo 2002, le Nazioni Unite convocheranno per la prima volta un incontro a livello di vertice per affrontare fondamentali questioni finanziarie ed altre tematiche ad esse collegate relative allo sviluppo globale.

La risoluzione dell'Assemblea Generale 54/196 del dicembre 1999 ha rappresentato un fattore decisivo enunciando i principali obiettivi della Conferenza sui Finanziamenti per lo Sviluppo (Financing for Development - FfD): affrontare le questioni nazionali, internazionali e sistemiche relative ai finanziamenti per lo sviluppo in maniera olistica, prendendo in considerazione le forze della globalizzazione e dell'interdipendenza; ed identificare mezzi per garantire la disponibilità di risorse finanziarie sufficienti per raggiungere gli obiettivi stabiliti dalle principali conferenze e vertici delle Nazioni Unite organizzate nel corso degli anni '90.

Nel Settembre 2000, i leader mondiali riunitisi in occasione del Vertice del Millennio si sono detti pronti a ¤compiere ogni sforzo per garantire il successoË di questo evento. Il Segretario Generale nel suo rapporto al Comitato Preparatorio presentato nel Gennaio 2001 (A/AC.257/12) ha avanzato delle raccomandazioni in materia di politiche di vasta portata.

Una caratteristica senza precedenti del processo di Finanziamenti per lo Sviluppo è rappresentata dall'attiva partecipazione della Banca Mondiale, del Fondo Monetario Internazionale (IMF) e dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO)  nell'ambito di un'iniziativa guidata dalle Nazioni Unite. Nella Conferenza e nella sua preparazione sono inoltre coinvolti la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), le cinque commissioni regionali ed altre agenzie del sistema ONU, come pure rappresentanti della società civile e del mondo delle imprese.

 

L'ordine del giorno della Conferenza Internazionale sui Finanziamenti per lo Sviluppo (FfD)

Focalizzando l'attenzione sul contesto nel quale le risorse per lo sviluppo vengono generate e distribuite, sono state identificate sei aree fondamentali per la discussione e la deliberazione:

mobilitazione delle risorse finanziarie nazionali

La gran parte del capitale per lo sviluppo di una nazione proviene dall'interno dei suoi confini. Istituzioni giuridiche, sistemi di tassazione, amministrazione pubbliche e infrastrutture finanziarie efficaci sono dunque necessarie per se si intende raccogliere e distribuire in maniera efficiente i finanziamenti pubblici e privati in modo tale da ottenere un progresso sociale ed economico.

mobilitazione degli investimenti esteri diretti e di altri aflussi privati

Oltre alle risorse nazionali, la maggior parte dei paesi in via di sviluppo deve sfruttare i capitali provenienti dall'estero per soddisfare fondamentali esigenze di investimenti. Sempre più spesso, questo significa attrarre capitali privati che arrivano dai mercati stranieri, quali i finanziamenti esteri diretti, gli investimenti di portafoglio e i prestiti bancari. Una sfida fondamentale consiste nell'aumentare l'estensione e nell'ampliare la portata di questi flussi, limitando al tempo stesso la loro volatilità.

commercio internazionale

I profitti derivanti dal commercio rappresentano un importante canale per favorire la crescita economica ed eliminare la povertà, specialmente se incoraggiano gli agenti economici ad impiegare il proprio potenziale produttivo nella maniera più efficiente. Tuttavia, una espansione continua e rapida del commercio non è garantita e numerosi paesi in via di sviluppo hanno sino a oggi ricevuto solamente dei magri benefici dall'apertura delle rispettive economie verso l'esterno.

assistenza ufficiale allo sviluppo

L'Assistenza Ufficiale allo Sviluppo è da molto tempo entrata in una fase declinante ma rimane comunque essenziale per lo sviluppo di numerosi paesi a basso reddito. Ulteriore assistenza è inoltre necessaria se il mondo intende concretizzare il proprio impegno per il raggiungimento degli obiettivi di diminuzione della povertà e di sviluppo umano fissati in occasione del Vertice del Millennio.

cancellazione del debito

Grazie alla iniziativa per i  Paesi Poveri Altamente Indebitati è stata conseguita una significativa riduzione del debito, ma in numerosi Paesi in via di sviluppo il fardello di un indebitamento elevato continua a rendere difficile lo sviluppo. Mentre si cerca di risolvere gli attuali problemi del debito, dev'essere fatto molto di più per evitare che i paesi in via di sviluppo cadano in questa trappola finanziaria.

sistemi monetari, finanziari e commerciali internazionali

La gravità e la crescente frequenza dei contagi finanziari e dei mutamenti strutturali che si stanno verificando nel funzionamento dell'economia globale come si è articolata a partire dalla creazione del sistema Bretton Woods mezzo secolo fa, hanno condotto alla richiesta di una riforma dell'architettura finanziaria internazionale. Sono stati realizzati alcuni miglioramenti, ma ne sono necessari altri. Una sfida è quella di individuare nuovi modi per consolidare la partecipazione dei Paesi in via di sviluppo ai processi economici internazionali. Un'altra è quella di incrementare la coerenza fra le istituzioni principali nelle aree della finanza, delle valute, del commercio e dello sviluppo internazionale. A tale proposito, le Nazioni Unite dovranno essere in grado di ricoprire un ruolo più efficace all'interno dell'arena economica internazionale.

Il Processo

Il Comitato Preparatorio sui Finanziamenti per lo Sviluppo è stato istituito agli inizi del 2000. Per agevolare il processo consultivo, in quell'anno si sono svolti cinque incontri regionali a Giakarta, in Indonesia; ad Addis Abeba, in Etiopia; a Bogotà, in Colombia; a Beirut, in Libano; a Ginevra, in Svizzera. Alla fine del 2000, inoltre, si sono tenute anche due serie di udienze pubbliche, nelle quali si sono prese in considerazione le opinioni delle organizzazioni non governative e del mondo imprenditoriale, fra le quali quelle dei più importanti dirigenti di banche, società per la gestione degli investimenti, aziende multinazionali e piccole e medie imprese provenienti sia da nazioni industrializzate che da paesi in via di sviluppo. Questi incontri, unitamente a quanto emerso dai numerosi gruppi di lavoro interagenzie, hanno contribuito alla preparazione delle raccomandazioni contenute nel rapporto relativo agli indirizzi politici presentato dal Segretario Generale nel gennaio del 2001.

I governi hanno poi discusso i punti fondamentali da includere nell'ordine del giorno della Conferenza, in occasione delle due sessioni del Comitato Preparatorio che si sono svolte nel febbraio e nel maggio del 2001. Il Comitato Preparatorio continuerà a riunirsi (dal 15 al 19 ottobre 2001 e dal 14 al 25 gennaio 2002) per affinare le iniziative in materia di politiche e le proposte di decisioni che verranno presentate per essere adottate in occasione della Conferenza a Monterrey.

In aggiunta a questa documentazione preesistente, il Comitato Preparatorio avrà inoltre davanti a s╗ l'importante rapporto del Panel di alto livello sui Finanziamenti per lo Sviluppo, nominato dal Segretario Generale e presieduto dall'ex Presidente del Messico, Ernesto Zedillo. Questo rapporto è stato presentato nel giugno 2001 (A/55/1000). Similmente, il Comitato Preparatorio ha anche richiesto ai principali detentori di interessi istituzionali e non di continuare a valutare iniziative concrete che agevolino il processo preparatorio dei finanziamenti per lo sviluppo.

partecipazione alla Conferenza sui Finanziamenti per lo sviluppo

Le organizzazioni non governative che non hanno ancora uno status consultivo all'interno del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) sono invitate a richiedere uno status consultivo ad hoc.

per ulteriori informazioni contattare:

Oscar de Rojas, Coordinatore esecutivo

Segretariato di Coordinamento Finanziamenti per lo Sviluppo

Two United Nations Plaza

Tel.: 001-212.963.2587 Fax: 001-212.963.0443

Internet: www.un.org/ffd e-mail: ffd@un.org

 

Tim Wall Tel.: 001-212.963.5851

Klomjit Chandrapanya Tel.: 001-212.963.9495

Department of Public Information, United Nations

Fax: 001-212.963.1186 e-mail: mediainfo@un.org

Daniela Salvati / Katia Miranda-Saleme

UNIC, Roma Tel. 06 6789907     Fax 06 6793337

E-mail:  onuitalia@onuitalia.it

Internet:   www.onuitalia.it      www.onuonline.it

 

Pubblicato dal Dipartimento delle Nazioni Unite per la Pubblica Informazione (DPI)

DPI/2226 Ď agosto 2001

Traduzione non ufficiale a cura del Centro di Informazione delle Nazioni Unite, Roma